BORSE EUROPA - Indici annullano perdite su calo WS minore attese

mercoledì 19 agosto 2009 16:17
 

                               indici             chiusura
                             alle 16,00    var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.629,30    -0,05     2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        932,87    -0,18      831,97
DJ Stoxx banche          217,38    -1,03      149,51
DJ Stoxx oil&gas         291,09    -0,12      264,50
DJ Stoxx tech            171,94    -1,16      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 19 agosto (Reuters) - Le borse europee recuperano le
perdite della mattinata e si stabilizzano rispetto alla chiusra
di ieri dopo l'apertura di Wall Street. La borsa di New York ha
infatti aperto in negativo ma con lievi ribassi, inferiori a
quelli previsti.
 Le perdite maggiori sono quelle del settore auto, quasi
2,5%, influenzato da un vero e proprio crollo di Volkswagen che
perde circa il 15% dopo che una rivista ha rivelato che il Qatar
pagherà 80 euro ad azione per il 17% delle ordinarie Volksvagen.
Altri settori negativi sono banche, minerari e real estate.
Il comparto europeo migliore è quello delle utilities che
sale circa dell'1,1%, con Endesa (ELE.MC: Quotazione), Suez GSZ.PA e E.on
(EONGn.DE: Quotazione) che crescono di più di un punto percentuale.
 Alle 16,15 l'inglese Ftse .FTSE sale dello 0,2%, il
tedesco Dax .GDAXI perde lo 0,18% e il francese Cac 40 .FCHI
cresce dello 0,24%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione) perde circa il 15% in area 145 euro.
Crescono invece del 6,5% a 63 euro le azioni privilegiate senza
diritto di voto (VOWG_p.DE: Quotazione) dopo che una rivista ha riportato
che il Qatar ha un'opzione per comprane sino al 50% da Porsche,
proprio a 63 euro. Sale anche Porsche (PSHG_p.DE: Quotazione)  di oltre il
2%.
 * Sempre nel settore auto, cede l'1,03% DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione),
denunciata dai creditori di Chrysler negli Stati Uniti con
l'accusa di avere sottratto all'ex controllata americana
miliardi di dollari in asset prima di venderla al gruppo di
private equity Cerberus nel 2007.
 * WIENERBERGER (WBSV.VI: Quotazione) nonostante la buona trimestrale di
ieri e alcuni incrementi di target price segna un pesante calo
di 3,6%, più alto di quello del suo stoxx europeo che è in calo
dell'1,5% trascinato dall'ondata di vendite generale.