BORSE EUROPA- Indici in calo su Asia, dubbi ripresa, male banche

mercoledì 19 agosto 2009 10:05
 

                               indici             chiusura
                             alle 10,00    var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50    2.593,95    -1,39    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        923,20    -1,22      831,97
DJ Stoxx banche          214,74    -2,24      149,51
DJ Stoxx oil&gas         288,65    -0,96      264,50
DJ Stoxx tech            171,76    -1,26      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 19 agosto (Reuters) - La mattinata delle piazze
europee è decisamente cupa, con gli indici che arretrano ben
oltre il punto percentuale e disfano la tela dei rialzi di ieri.
Sui mercati valutari del vecchio continente arriva l'eco della
caduta di quelli asiatici, particolarmente di Shanghai che ha
chiuso con un calo superiore al 4%.
 A registrare le perdite maggiori sono i listini bancari, con
lo stoxx europeo che perde il 2,2% sul timore che i fondamentali
macroeconomici non giustifichino il rally prolungato degli
ultimi mesi. Su valori simili si muovono i titoli del settore
auto, anch'esso vittima della propria natura ciclica e della
vivacità mostrata quando la fiducia spingeva gli investitori
agli acquisti.
 Alle 10,00 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde l'1,22%.
Tra le singole piazze l'inglese Ftse .FTSE cede l'1,0%, il
tedesco Dax .GDAXI l'1,4% e il francese Cac 40 .FCHI l'1,1%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione) perde il 4,3% nonostante l'aumento di
target price da parte di Bernstein. La casa automobilistica
tedesca è alle prese con uno sciopero nei propri stabilimenti
messicani dopo la rottura delle trattative salariali con i
sindacati locali.
 * Sempre nel settore auto, cede il 2,4% DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione),
denunciata dai creditori di Chrysler negli Stati Uniti per aver
sottratto all'ex controllata americana "miliardi di dollari in
asset" prima di venderla al gruppo di private equity Cerberus
nel 2007.
 * Balza invece a +5,8% CONTINENTAL (CONG.DE: Quotazione) sulla notizia
pubblicata da Die Welt secondo cui l'azionista Schaeffler
trasferirà 5 dei suoi 12 miliardi di euro di debito a una
holding, in modo da superare gli ultimi ostacoli al suo takeover
del prodotture di pneumatici. I restanti 7 miliardi saranno
integrati, secondo il quotidiano tedesco, nel business operativo
di Continental.
 * TELEKOM AUSTRIA (TELA.VI: Quotazione) guadagna il 3,5% dopo la
conferma della guidance 2009 annunciata con i risultati
societari. Le attese erano per una riduzione della guidance,
data la debolezza dei ricavi nel secondo trimestre.
 * Tra i bancari cede il 3,5% DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione). Il
Wall Street Journal scrive che l'americana Stockbridge Real
Estate Funds si prepara a lanciare un'offerta per rilevare la
gestione di un fondo americano da 2,6 miliardi di dollari
attualmente gestito dall'unità immobiliare di Deutsche Bank
negli Usa.
 * Nello stesso settore si registrano il -2,8% di BARCLAYS
(BARC.L: Quotazione), il -2,3% di BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) e il -2,5% di
SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) e di BBVA (BBVA.MC: Quotazione), a cui si
intonano i listini bancari italiani.
 * WIENERBERGER (WBSV.VI: Quotazione) continua a distinguersi nel settore
delle costruzioni, il cui stoxx europeo è in calo dell'1,5%
trascinato dall'ondata di vendite generale. La società
austriaca, ieri forte della buona trimestrale, guadagna oggi il
2% grazie all'incremento di target price da Credit Suisse e
Deutsche Bank.