BORSE EUROPA - Indici in rialzo, guidano commodities e banche

venerdì 19 giugno 2009 16:25
 

                                indici             chiusura
                             alle 16,15    var%      2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.425,75    +0,47    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        859,74    +1,08      831,97
DJ Stoxx banche          180,80    +1,14     149,51
DJ Stoxx oil&gas         292,10    +1,43      264,50
DJ Stoxx tech            171,78    +0,43      152,86
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 19 giugno (Reuters) - Le borse europee avanzano
negli scambi del pomeriggio, trascinate dal greggio CLc1 che
scambia oltre i 72 dollari al barile e dall'avvio in positivo di
Wall Street.
 I listini, che hanno vacillato nei giorni scorsi dopo oltre
due mesi consecutivi di rialzi, la prossima settimana
affronteranno l'impatto di importanti dati economici e delle
decisioni di politica monetaria della Fed.
 I mercati al momento non dispongono ancora di abbastanza
prove per credere nella ripresa economica. Per questo, i dati
attesi per la prossima settimana relativi agli acquisti di beni
manifatturieri nella zona euro, alla fiducia del consumatori in
Germania, al settore immobiliare Usa  - fattori chiave per le
spese dei consumatori - devono superare largamente le attese per
far ripartire il rally dei mercati.
 "Non è un buon momento per investire sui mercati in attesa
di un rally. Noi siamo prudenti perchè non crediamo in un
ulteriore rally", commenta Emiel van den Heiligenberg, di Fortis
Investments. "Ci sono ragioni per ritenere che questa fase di
ribassi durerà più a lungo delle attese", aggiunge.
 Boston Consulting Group ha analizzato 61 indicatori
economici principali negli Stati Uniti, Germania, Francia, Gran
Bretagna, e Giappone e ha riscontrato che solo 4 sono si trovano
in territorio pienamente positivo. Altri 15 si trovano "in un
trend positivo anche se è troppo presto perchè sia confermato".
  Intorno alle 16,15 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3
guadagna l' 1,08%. Sulle singole piazze, il Ftse 100 .FTSE
guadagna l'1,38% e il Cac-40 FCHI guadagna lo 0,34%, mentre il
Dax .GDAXI resta più incerto con un -0,07%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Migliori del paniere i titoli legati alle materie prime. I
minerari  avanzano del 3,19%, trascinati da BHP BILLINTON
(BLT.L: Quotazione) che guadagna quasi il 3%, ARCELORMITTAL (ISPA.AS: Quotazione) il
3,86%, XSTRATA XTA.L quasi il 5%.
 * I petroliferi  avanzazano intorno all'1,4% sulla
scia del rialzo dei prezzi del greggio, con BP (BP.L: Quotazione) che
guadagna intorno all'1,7%, ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione) sale dell'
1,8%, nonostante un suo impianto in Nigeria due giorni fa sia
stato danneggiato da attivisti politici e abbia interrotto la
produzione. Attaccato anche un impianto Agip (Eni perde 0,86%)
 *TOTAL (TOTF.PA: Quotazione), che avanza dello 0,57%, ha annunciato che
investirà 9,6 miliardi di dollari (circa 7 miliardi di euro)
insieme a Saudi Aramco nella raffineria di Djoubail, in Arabia
Saudita. Balza del 6,75% EURONAV (EUAV.BR: Quotazione) sostenuto dai rialzi
del greggio.
 * Bene anche i bancari  che avanzano dell'1,14%. A
guidare i rialzi NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione) che scambia a +6,6%, DEXIA
(DEXI.BR: Quotazione) a +4,21% e NATIONAL BANK OF GREECE (NBGr.AT: Quotazione) a +4,39%.
 * In controtendenza, gli automobilistici  perdono
l'1,18%. Pesa VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione) che cede oltre il 3,3% e
PORSCHE PSHG-P.DE che ha annunciato risultati peggiori delle
attese.
 * CLUB MEDITERRANEE CMIP.PA è tra i titoli migliori della
borsa di Parigi e guadagna intorno al 4% sulla scia delle
dichiarazioni rilasciate da Bernard Tapie a Le Monde riguardo
all'acquisizione di una quota intorno all'1% del gruppo per
oltre 2,5 milioni di euro.
 * Guadagna il 10,67% il gruppo turistico TUI (TUIGn.DE: Quotazione),
dopo che Equinet ha rivisto il giudizio a "buy" da "reduce", per
via del recente calo del titolo. Il gruppo, che è il maggiore
operatore turistico al mondo, aveva risentito di un giudizio
negativo, poi corretto, da parte di Deutsche Bank nel corso
della settimana.