Borse Europa, indici in denaro ma sotto massimi con Wall Street

giovedì 18 settembre 2008 16:32
 

LONDRA (Reuters) - Positivi anche se sotto i massimi di seduta nel tardo pomeriggio i listini azionari europei, in sintonia con la brillante performance di Wall Street dopo la pesante battuta d'arresto di ieri.

A monte dell'accelerazione dell'azionario anche la lettura decisamante migliore delle attese degli ultimi numeri macro Usa, in particolare l'indice a cura della Federal Reserve di Philadelphia, tornato sorprendentemente in positivo per la prima volta da novembre dell'anno scorso.

Intorno alle 16,20 l'indice FTSEurofirst 300 avanza di 0,64% a 1.076,98 punti, mentre recupera 0,80% a 3.042,82 il Dj Eurostoxx 50.

Tra le singole piazze l'indice Ftse migliora di 0,66%, il Cac 40 francese risale di 0,99% e lo Xetra tedesco avanza di 0,92%.

A ispirare il clima di fondo dell'azionario il comparto dei finanziari, protagonista oggi di un deciso recupero grazie in primo luogo alla massiccia iniezione di nuova liquidità in dollari varata dalle principali banche centrali mondiali.

Stella tra i bancari la britannica Hbos, in progresso di circa 35% dopo la conferma dell'acquisizione da parte di Lloyds che ha ricevuto anche il benestare di Banca d'Inghilterra, mentre l'acquirente accusa un -9%.

Sempre tra gli istituti di credito si mettono in evidenza Dexia con un +8%, Bnp Paribas con un +3,5% come SocGen.

Arretra invece di oltre 4% Allianz, nonostante la smentita di voci circa rischi nella cessione di Dresdner Bank a Commerzbank (-0,6%).

* Continua a brillare a Francoforte il titolo Volkswagen, in rialzo di oltre 17% sulla scia di ricoperture nate dalla speculazione di un ulteriore incremento della quota Porsche (+3,5%), che soltanto l'altroieri ha portato la propria partecipazione a oltre 35%.

* Tra le compagnie aeree arretra di oltre 10% British Airways, depressa dalla prospettiva di un calo della clientela business di fronte alla crisi finanziaria e dal deficit di 1,5 miliardi di sterline del proprio fondo pensione. Brilla invece Ryanair, in risalita di oltre 6% dopo aver prospettato il ritorno a un "consistente utile" in caso prosegua la correzione del greggio.

* Molto bene Deutsche Boerse, in rialzo di oltre 7% grazie a speculazioni di un ritorno della clientela degli investitori a piattaforme tradizionali.

 
<p>Trader al lavoro. REUTERS/Alex Grimm</p>