BORSE EUROPA- Indici giù su minerari, finanziari riducono rialzi

mercoledì 18 marzo 2009 14:51
 

                               indici              chiusura
                              alle 14,50   var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.016,21    +0,20    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        710,19    -0,79      831,97
DJ Stoxx banche          115,60    -0,22      149,51
DJ Stoxx oil&gas         249,75    -1,59      264,50
DJ Stoxx tech            146,96    -0,01      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 18 marzo (Reuters) - Le borse europee avanzano in
negativo, con i finanziari che riducono i guadagni dopo
l'allarme lanciato dall'Autorità inglese sui servizi finanziari
(Fsa).
 Secondo quest'ultima le banche britanniche dovranno mettere
da parte più capitale di quanto attualmente richiesto,
diventando così meno redditizie, ma più sicure.
 BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) sale di oltre il 2%, UBS UBSN.VX perde
lo 0,6%, BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) il 4% e HSBC (HSBA.L: Quotazione) quasi il
6%.
 A risentire della nuova virata in negativo delle borse sono
anche minerari  e energetici  con il greggio che
nel pomeriggio passa di mano a circa 48,4 dollari al barile.
 La borsa americana non ha aiutato a risollevare gli animi
del Vecchio continente, dando il via agli scambi con tutti i
listini in negativo. C'è attesa per le decisioni di stasera
della Federal Reserve, al termine di una riunione di due giorni
sulla politica monetaria, per sapere se verranno messe in atto
nuove manovre di sostegno all'economia.
 Intorno alle 14,50 l'indice paneuropeo FtseEurofirst 300
.FTEU3 cede lo 0,8% circa mentre, tra le singole borse, Londra
.FTSE segna un -1,51%, Parigi .FCHI -0,6% e Francoforte
.GDAXI -0,15%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * RIO TINTO (RIO.L: Quotazione) cede oltre il 4%, colpito dalla viva
opposizione del governo australiano a un accordo con la cinese
Chinalco.
 * SUN MICROSYSTEMS JAVA.O JAVA.F sale del 64% a
Francoforte sulla notizia, riportata dal Wall Street Journal, di
trattative in corso con Ibm (IBM.N: Quotazione) che vorrebbe comprarla
sborsando almeno 6,5 miliardi di dollari.
 * VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione) cede oltre il 3% nonostante la
smentita di un'indiscrezione stampa su un possibile calo del 90%
nei profitti 2009. "In questo momento non è possibile fare
previsioni affidabili sull'anno in corso", ha detto.
 * XSTRATA XTA.L cede l'1,3% dopo la chiusura dell'aumento
di capitale da 5,9 miliardi di dollari con adesioni pari al
99,4%.
 * ALLIANCE PHARMA (ALAPH.L: Quotazione) balza di oltre il 12% dopo aver
annunciato un forte aumento degli utili 2008 prima delle tasse
grazie alla forte domanda per i suoi prodotti dermatologici.
 * Il gruppo chimico LANXESS (LXSG.DE: Quotazione) precipita del 10%,
realizzando la performance peggiore tra le midcap tedesche
 sull'inaspettata riduzione del 50% del dividendo a 0,50
euro per azione e sulle cupe previsioni sul primo trimestre
2009.
 * La società tecnologica belga METRIS METR.BR riduce le
perdite, calando nel pomeriggio del 4% su una perdita netta 2008
di 14 milioni di euro, il doppio di quanto atteso dagli
analisti.