18 giugno 2009 / 07:48 / 8 anni fa

BORSE EUROPA - Indici in debole rialzo su ripresa minerari, oil

                                indici             chiusura
                             alle 9,45    var%      2008 ---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.387,50    +0,14    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        847,09    +0,15      831,97
DJ Stoxx banche .SX7P         176,00    +0,03      149,51
DJ Stoxx oil&gas .SXEP        289,11    +0,05      264,50
DJ Stoxx tech .SX8P           170,81    +0,49      152,86 ---------------------------------------------------------------  LONDRA, 18 giugno (Reuters) - Le borse europee hanno dato il via agli scambi in rialzo, mettendo fine a una serie di quattro sedute consecutive in calo. L'aumento del prezzo del greggio ha contribuito, dando benzina ai titoli energetici, mentre i minerari si stanno riprendendo dalle difficoltà dei giorni scorsi, con l'indice di settore .SXPP che sale dell'1,3% circa.
 "Anche se vediamo oggi piccoli guadagni, la correzione iniziata nelle recenti sedute continuerà. La tendenza al momento è al ribasso", smorza l'entusiasmo l'analista tecnico di Aurel Bgc Alexandre Le Drogoff.
 Intorno alle 9,40 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 sale dello 0,15%, mentre, sulle singole piazze, il Ftse 100 .FTSE perde lo 0,01% e il Cac-40 .FCHI e il Dax .GDAXI salgono rispettivamente dello 0,29% e dello 0,26%.
  
 Tra i titoli in evidenza:
 * Tornano a respirare i minerari, trascinati da XSTRATA XTA.L, a +2,4%. Citi e Morgan Stanley hanno promosso la società, puntando su notevoli possibilità di miglioramento per una vicina ripresa dei prezzi dei metalli di base. IIn controtendenza il gruppo minerario RIO TINTO (RIO.L), sceso di quasi il 9% sulla borsa di Sydney, che perde a Londra l'1,35%.
 * AIR FRANCE-KLM (AIRF.PA) emetterà obbligazioni convertibili in azioni, con scadenza 2015, per un valore compreso tra i 575 e i 661 milioni di euro. Il titolo cede l'1%.
 * Il gruppo tedesco del cemento HEIDELBERGCEMENT (HEIG.DE) balza di oltre il 13% dopo aver concluso positivamente il processo di rifinanziamento e aver concordato un prestito sindacato da 8,7 miliardi di euro.
 * La leader tedesca del fotovoltaico Q-CELLS QCEG.DE cede il 7%. Non piace l'annuncio dell'allontanamento prima del tempo del direttore finanziario Hartmut Schuening al termine dell'annuale meeting di giugno.
 * Il gruppo inglese di prodotti isolanti SIG (SHI.L) parte con un calo di oltre il 20% su un profit warning per il 2009 a causa delle difficili condizioni del mercato.
 * Brutto risveglio anche per lo specialista di prodotti in legno PFLEIDERER, a -15%, dopo aver rivelato che sarà inadempiente sui 'covenant' e che non riuscirà a realizzare gli utili precedentemente previsti per il secondo trimestre.
 * La società svizzera di ricerca del personale ADECCO ADEN.VX cede lo 0,35% dopo aver annunciato l'intenzione di tagliare 350 posti di lavoro in Francia nel tentativo di tagliare i costi.
 * Un gasdotto di ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L) nel delta del Niger è stato attaccato dal maggiore gruppo della guerriglia nigeriana. Il titolo sale dello 0,32%.
 * L'utility spagnola IBERDROLA (IBE.MC) torna ad avanzare dello 0,4%. La cash call da 1,35 miliardi di euro aiuterà, secondo il direttore finanziario, a tagliare il debito netto a 25-26 miliardi da 32 miliardi entro la fine del 2009.      

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below