BORSE EUROPA -Indici vicini a parità dopo Wall Street e dati Usa

giovedì 17 settembre 2009 15:56
 

                               indici              chiusura
                            alle 15,45  var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.882,22    +0,00    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.007,65    +0,15      831,97
DJ Stoxx banche          236,92    +0,43      149,51
DJ Stoxx oil&gas         314,36    +0,21      264,50
DJ Stoxx tech            195,06    -0,79      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 17 settembre (Reuters) - Le borse europee scambiano
intorno alla parità nel pomeriggio, dopo aver toccato stamane il
massimo da 11 mesi, sulla scia di Wall Street che ha aperto in
leggero ribasso.
 A frenare i listini l'annuncio di dati macro Usa relativi a
nuovi cantieri e a nuovi sussidi di disoccupazione settimanali
che non convincono i mercati.
  Pesano sul settore tech  i risultati deludenti di
Oracle. In grande spolvero invece i settori costruzioni 
e banche .
 "L'inverno scorso abbiamo avuto vendite motivate dal panico.
Ora vediamo acquisti motivati dal panico. Gli investitori che
erano 'underweight' sull'azionario ora temono di mancare il
rally", commenta Jean Marie Mercadal di OFI Asset management.
 "La parte più importante del rimbalzo però è passata. La
borsa ha ancora del margine per progredire senza dubbio del 20%
in sei mesi ma non sarà automatico. Bisognerà essere selettivi",
aggiunge.
 Poco prima delle ore 16,00 l'indice europeo FTSEurofirst
avanza dello 0,15%. L'inglese Ftse 100 .FTSE sale dello 0,49%,
il tedesco Dax .GDAXI dello 0,25% e l'indice francese Cac 40
.FCHI lo 0,09%.


 I titoli in evidenza oggi:
 
 * Tra le migliori del listino le banche . Volano le
banche irlandesi, trainate dai dettagli sul piano di
ristrutturazione di ALLIED IRISH (ALBK.I: Quotazione) e di BANK OF IRELAND
(BKIR.I: Quotazione). I due istituti balzano rispettivamente a +21,7% e
+9,87% sulla notizia della possibilità di salvataggio senza una
partecipazione pubblica nel capitale.


 * In progresso anche HSBC (HSBA.L: Quotazione), LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) e
BARCLAYS (BARC.L: Quotazione)intorno all'1%. Salgono SOCIÉTÉ GÉNÉRALE
(SOGN.PA: Quotazione) (+3,17%) dopo il buon giudizio da parte di Naxitis.
BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) avanza dello 0,75% dopo aver dichiarato
che metterà oltre 5 miliardi di euro a disposizione delle Pmi
nei prossimi 15 mesi.


  * EDF (EDF.PA: Quotazione) cede l'1,4% dopo aver smentito un interesse
per il gruppo spagnolo Iberdrola (IBE.MC: Quotazione) (+1,74%). Prima della
smentita il gruppo spagnolo avanzava di oltre il 3% a Madrid
arrivando a scambiare a 6,825 euro, mentre il paniere europeo
 avanza dello 0,4%.
  
 * Bene anche gli energetici con TOTAL (TOTF.PA: Quotazione), ROYAL DUTCH
SHELL (RDSa.L: Quotazione) e REPSOL (REP.MC: Quotazione) in progresso tra lo 0,6 e
l'1,2%. TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione) guadagna il 2,86% sulla scia del
rialzo di oltre il 9% registrato ieri dopo l'annuncio della
scoperta di quello che potrebbe risultare il maggior giacimento
petrolifero mondiale sotto al bacino del lago Vittoria in
Uganda.
  
 * Sul fronte dei rialzi anche EADS EADS.PA dopo l'upgrade
da Morgan Stanley che ha portato il giudizio delal società
produttrice di Airbus a "overweight" da "equal weight". Sempre
nel settore trasporti AIR FRANCE KLM (AIRF.PA: Quotazione) perde il 2,46%,
tra i peggiori a Parigi, dopo che Morgan Stanley ha ritirato il
titolo dalla sua conviction buy list.
 
 * Peggiore del listino il settore auto  con PEUGEOT
(PEUP.PA: Quotazione) che cede oltre il 3%, RENAUL (RENA.PA: Quotazione) il cui
obiettivo è di vendere più di 100.000 vetture elettriche "Zoé"
entro il 2012, cede lo 0,64%. MICHELIN (MICP.PA: Quotazione) cede il 2,44%.
 
 * Anche i tecnologici  perdono terreno dopo che
Oracle ORCL.O ha annunciato risultati deludenti che hanno
appesantito al tedesca SAP (SAPG.DE: Quotazione) e la francese SDassault
Systems (DAST.PA: Quotazione) rispettivamente dell'1,7% e del 3,2%.
 
 * Scivola di oltre il 5% il produttore di navigatori
satellitari olandese TOMTOM (TOM2.AS: Quotazione), dopo il downgrade a
"underperform" da parte di Bank of America-Merrill Lynch. Il
broker ha valutato in maiera più positiva le concorrenti GARMIN
(GRMN.O: Quotazione) e LOGITECH LONG.VX.