September 17, 2008 / 2:37 PM / 9 years ago

Borse Europa, indici negativi dopo debole apertura Wall Street

3 IN. DI LETTURA

<p>Trader al lavoro.Alex Grimm</p>

LONDRA (Reuters) - Inversione di rotta per i listini europei, che imboccano la china discendente dopo il recupero della mattinata in risposta alla deludente partenza degli indici di Wall Street.

Festeggiato in un primo tempo il salvataggio di Aig da parte dell'amministrazione Usa tramite il maxi-prestito di Federal Reserve e la prospettiva di fusione tra le britanniche Hbos e Lloyds, negli ambienti di borsa si torna a respirare timore sulla solidità del comparto finanziario nel suo insieme, a dispetto delle nuove dichiarazioni di esponenti Bce sulla scarsa esposizione delle banche europee.

Fedele barometro del clima di nervosismo la nuova brusca accelerazione di tassi di mercato, che mostra la riluttanza degli istituti di credito nel concedere finanziamenti

A monte dello storno dei listini anche la deludente lettura degli ultimi numeri macro su partite correnti e mercato immobiliare Usa.

Intorno alle 16,20 l'indice FTSEurofirst 300 perde lo 0,59% a 1.084,97 punti, mentre arretra di 0,63% a 3.069,05 il Dj Eurostoxx 50, dopo un minimo intraday e 2008 a 3.027,78 punti.

Tra le singole piazze, l'indice Ftse lascia sul terreno 0,30%, il Cac 40 francese resiste a -0,07% e lo Xetra tedesco accusa un -0,75%.

In testa alla correzione spicca il comparto dei bancari, ma molto male fanno anche i tecnologici mentre rimbalzano i sottoindici di petroliferi grazie al recupero del greggio e assicurativi.

* Tra gli istituti di credito spicca il -8% di Hbos, dopo la conferma delle trattative avanzate per l'acquisizione da parte di Lloyds (+8,6%). Sempre a Londra perde oltre il 3% Royal Bank of Scotland.

* In netta controtendenza, con un rialzo superiore a 10%, brilla Barclays, premiata dall'annuncio di acquisizione delle attività nordamericane di Lehman.

* Molto bene a Francoforte Volkswagen, in rialzo di oltre 11% sempre sulla scia della quota di maggioranza acquisita ieri da Porsche, in calo di circa 2%.

* Tra i minerari arretra oltre 3% Xstrata dopo l'annuncio dell'offerta da 10 miliardi di dollari per la rivale Lonmin, che compensa con il brillante +3%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below