BORSE EUROPA - Indici ritracciano in avvio da massimi di ieri

martedì 17 novembre 2009 09:44
 

                               indici              chiusura
                           alle  9,35      var%      2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.911,77    -0,49    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.030,74    -0,36      831,97
DJ Stoxx banche          237,05    -0,55      149,51
DJ Stoxx oil&gas         324,48    -0,41      264,50
DJ Stoxx tech            186,38    +0,08      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 17 novembre (Reuters) - Le borse europee ritracciano
in avvio dai massimi da 13 mesi registrati ieri in chiusura,
interrompendo una serie di quattro sedute consecutive in rialzo.
 A guidare il ribasso il settore delle commodity sulla scia
del calo dei prezzi delle materie prime. 
 Intorno alle 9,30 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,36%
dopo il progresso dell'1,5% incassato ieri; dai minimi di marzo
l'indice ha recuperato il 60% e da inizio anno è in crescita del
24%. A livello di singoli mercati, il Ftse 100 .FTSE londinese
scende dello 0,6%, il Cac-40 francese .FCHI dello 0,56% e il
Dax tedesco .GDAXI dello 0,44%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * UBS UBSN.VX sale dell'1,4%. L'AD Oswald Gruebel ha detto
che punta a un utile pretasse annuale di 15 miliardi di franchi
svizzeri nel medio termine.
 Nel settore bancario in calo HSBC (HSBA.L: Quotazione), Credit Suisse
CSGN.VX, Barclays (BARC.L: Quotazione) e BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione).
* Ribassi per le major del petrolio come BP (BP.L: Quotazione), Royal
Dutch Shell (RDSa.AS: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione) dopo che il crudo CLc1
ha perso terreno in vista dei dati settimanali sulle scorte. 
 * Tra i minerari deboli Rio Tinto (RIO.L: Quotazione), Xstrata XTA.L,
Anglo American (AAL.L: Quotazione), BHP Billiton (BLT.L: Quotazione), Vedanta Resources
(VED.L: Quotazione) e Kazakhmys (KAZ.L: Quotazione). 
 * Accor (ACCP.PA: Quotazione) sale di quasi il 3%. Il gruppo di hotel
francese ha detto che il Cda deciderà entro l'anno se separare
le sue due attività principali, qualla degli hotel e quella dei
servizi prepagati come voucher turistici e carte bancarie.
 * Easyjet (EZJ.L: Quotazione) cede oltre il 2% dopo aver registrato un
calo del 64,5% dell'utile d'esercizio; il gruppo ha però
previsto un risultato nettamente migliore per il 2010.