BORSE EUROPA - Indici negativi, pesano banche e minerari

martedì 17 novembre 2009 15:16
 

                               indici              chiusura
                           alle  15,10     var%      2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.918,77    -0,25    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.033,26    -0,10      831,97
DJ Stoxx banche          236,05    -0,61      149,51
DJ Stoxx oil&gas         326,22    +0,12      264,50
DJ Stoxx tech            187,38    +0,50      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 17 novembre (Reuters) - Le borse europee proseguono
deboli nel pomeriggio, penalizzate dai commenti dell'analista
Usa Meredith Whitney che stanno colpendo il settore bancario e
minerario sul quale pesa il calo calo dei prezzi delle materie
prime.
 Intorno alle 15,00 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo
0,10% dopo che ieri in chiusura aveva toccato i massimi da 13
mesi. A livello di singoli mercati, il Ftse 100 .FTSE
londinese scende dello 0,47%, il Cac-40 francese .FCHI dello
0,41% e il Dax tedesco .GDAXI dello 0,26%.
 "E' una seduta inconcludente dopo un avvio promettente. Dopo
una forte corsa il mercato si sta prendendo una pausa", osserva
un broker.
 L'analista delle banche, Whitney, diventata famosa per avere
annunciato correttamente molti degli errori delle banche negli
ultimi anni, ha oggi detto che "il settore è ben capitalizzato
ed è giunto il tempo di ridurre il peso nelle banche a larga
capitalizzazione". L'analista ha inoltre aggiunto di non credere
che il rally delle borse Usa sia basato sui fondamentali e si
dichiara scettica, così come è stata finora, sull'andamento dei
mercati. 
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * UBS UBSN.VX riduce il rialzo a un +0,11%. L'AD Oswald
Gruebel ha detto che punta a un utile pretasse annuale di 15
miliardi di franchi svizzeri nel medio termine.
 Nel settore bancario in calo HSBC (HSBA.L: Quotazione), Credit Suisse
CSGN.VX, Barclays (BARC.L: Quotazione) e BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione) fra l' e il
2,2%. 
* Ribassi per le major del petrolio come BP (BP.L: Quotazione), Royal
Dutch Shell (RDSa.AS: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione) dopo che il crudo CLc1
ha perso terreno in vista dei dati settimanali sulle scorte. 
 * Tra i minerari deboli Rio Tinto (RIO.L: Quotazione), Xstrata XTA.L,
Anglo American (AAL.L: Quotazione), BHP Billiton (BLT.L: Quotazione), Vedanta Resources
(VED.L: Quotazione) e Kazakhmys (KAZ.L: Quotazione). 
 * Accor (ACCP.PA: Quotazione) sale di quasi il 3%. Il gruppo di hotel
francese ha detto che il Cda deciderà entro l'anno se separare
le sue due attività principali, qualla degli hotel e quella dei
servizi prepagati come voucher turistici e carte bancarie.
 * Easyjet (EZJ.L: Quotazione) cede oltre il 2% dopo aver registrato un
calo del 64,5% dell'utile d'esercizio; il gruppo ha però
previsto un risultato nettamente migliore per il 2010.
 * Giù i minerari a seguito del ribasso dell'1% del rame.
Antofagasta (ANTO.L: Quotazione), Rio Tinto (RIO.L: Quotazione) e Xstrata XTA.L
perdono fra l'1 e il 2,4%.