BORSE EUROPA - Indici deboli, vendute banche dopo balzo apertura

mercoledì 17 settembre 2008 10:17
 

                             indici                chiusura
                            alle 10,00     var%      2007
--------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.081,31     -0,23    4.395,61
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.088,42     -0,27    1.506,61
  DJ Stoxx banche          259,87     -1,91      424,26
  DJ Stoxx oil&gas         324,88     +0,37      442,02
  DJ Stoxx tech            216,88     -0,99      304,27
-------------------------------------------------------------
 
 LONDRA, 17 settembre (Reuters) - Le borse europee sono
deboli dopo una buona partenza, con il settore bancario che
sprofonda rapidamente nel terreno negativo dopo i rialzi
iniziali sostenuti dall'annuncio del pacchetto della Federal
Reserve per American International Group (AIG.N: Quotazione).
 Alle 9,45 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 è in ribasso
dello 0,22% a 1.189,02 punti. L'indice ha perso il 2,6% ieri e
il 3,6% lunedì.
 L'indice EuroStoxx delle banche perde l'1,9%.
 La Fed, che ha lasciato i tassi fermi, presterà fino a 85
miliardi di dollari ad AIG per due anni in cambio di una quota
di capitale del 79,9%.
 
Tra i titoli in evidenza:
 BARCLAYS (BARC.L: Quotazione), che ha raggiunto un accordo per
acquistare parti di Lehman a 1,75 miliardi di dollari perde il
5% dopo il +10% dell'apertura.
 UBS UBSN.VX in rialzo dell'1% dopo il +11% delle prime
battute. L'AD Marcel Rohner ha spiegato che la banca è preparata
ad affrontare la crisi. "Siamo felici di aver già preso le
misure dolorose: l'aumento di capitale e la forte riduzione dei
rischi", ha detto al canale svizzero SF1.
 La società di prestiti immobiliari britannica HBOS HBOS.L
perde il 34% dopo un rialzo dell'8%.
 MUNICH RE (MUVGn.DE: Quotazione) poco mossa dopo l'annuncio
dell'interesse in alcune attività di AIG, fatto dall'AD in
un'intervista al quotidiano Handelsblatt. 
 Rimbalzano invece i minerari, dopo le vendite di ieri. Rio
Tinto (RIO.L: Quotazione) sale del 4,3%, Xtrata XTA.L dello 0,4%.