BORSE EUROPA - Indici salgono 2% circa con bancari

lunedì 16 marzo 2009 14:56
 

                               indici              chiusura
                              alle 14,50  var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.014,43    +2,28    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        713,91    +1,68      831,97
DJ Stoxx banche          113,56    +4,04      149,51
DJ Stoxx oil&gas         251,46    -0,21      264,50
DJ Stoxx tech            146,54    +3,36      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 16 marzo (Reuters) - Le borse europee proseguono
toniche sull'attesa di una ripresa non lontana dell'economia
statunitense, verso fine 2009.
 Gli indici si trovano sui massimi delle ultime due settimane
con i bancari a guidare il rally.
 Nonostante il recupero odierno, gli indici settoriali dei
bancari e degli assicurativi sono ancora in rosso
rispettivamente del 24% e del 33% da inizio anno.
 Le borse europee traggono beneficio anche dall'avvio
positivo di Wall Street e dal dato sull'inflazione nella zona
euro, in aumento lo scorso mese ma non in maniera tale da
restringere il margine di manovra della Bce in termini di
ulteriori tagli del tassi.
 Tra le singole borse Londra .FTSE segna un +1,77%, Parigi
.FCHI +2,02% e Francoforte .GDAXI +1,36%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) prosegue positiva (+13% circa),
diffondendo fiducia al settore bancario, dopo aver ammesso di
aver iniziato in maniera tonica in 2009. La banca ha anche
confermato di aver discusso della vendita della divisione
iShares.
 * Sale di oltre il 7% a Francoforte SMARTTRAC SM7.DE, tra
i migliori titoli tecnologici tedeschi dopo la promozione a
"buy" da parte di Deutsche Bank.
 * Il semiconduttore belga MELEXIS (MLXS.BR: Quotazione) perde terreno
penalizzato da una serie di fattori: la notizia di una disputa
su un brevetto con un concorrente austriaco, le persistenti
cattive notizie dal settore dell'auto e l'influenza ancora
negativa dall'avvertimento lanciato dalla società lo scorso mese
sul rischio di ulteriori cali nelle vendite nel primo trimestre
2009.
 * Venduta a Bruxelles anche OPTION (OPIN.BR: Quotazione), poco sopra il
minimo record toccato in seduta a 0,80 euro. Sul titolo
continuano a pesare i deboli risultati trimestrali diffusi a
inizio mese.
 * A Madrid balzo del 31% di PRISA (PRS.MC: Quotazione). Il titolo
prosegue la fase di recupero essendo in ipervenduto su timori
per l'indebitamento da 5 miliardi di euro e voci di un possibile
accordo di rifinanziamento.