BORSE EUROPA -Indici salgono su dati Usa, JP Morgan

giovedì 16 luglio 2009 16:16
 

                                indici             chiusura
                              alle 16,00     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.479,60    +1,06    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        871,45    +0,82      831,97
DJ Stoxx banche          189,66    +1,47      149,51
DJ Stoxx oil&gas         285,93    +0,14      264,50
DJ Stoxx tech            169,72    -3,93      152,86
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 16 luglio (Reuters) - Le borse europee si mantengono
in territorio positivo, nonostante la volatilità di Wall Street
che cambia segno più volte, dopo aver aperto in negativo. 
 A sostenere i lisitini europei i buoni dati relativi ai
disoccupati Usa della settimana e JP Morgan (JPM.N: Quotazione) che nel
pre-borsa ha annunciato risultati migliori delle attese per il
secondo trimestre, soprattutto grazie ai comparti 'core
consumer' e investment banking.
 Questa notizia si aggiunge ai buoni risultati trimestrali
riportati da Goldman Sachs G.S e dalla big della tecnologia
Intel (INTC.O: Quotazione) e ai dati relativi alla crescita economica della
Cina che rassicurano gli investitori sulle prosepettive della
ripresa economica.
 "I dati (di JP Morgan) hanno dato una scrollata ai mercati",
ha detto Richard Hunter, capo dell'equity per Hargreaves
Lansdown a Londra.
 "E' troppo presto per definire un successo la stagione delle
trimestrali, ma i primi segnali sono positivi e dimostrano un
cambiamento nella propensione al rischio sulle due sponde
dell'Oceano".
 Occhi puntati ai risultati di importanti società quotate che
devono ancora essere pubblicati, tra cui quelli di Google
(GOOG.O: Quotazione), di Ibm (IBM.N: Quotazione) e del colosso bancario Citigroup (C.N: Quotazione).
  Intorno alle 16,00 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 sale
dello 0,82% circa, mentre sui singoli listini l'inglese Ftse 100
.FTSE avanza dello 0,72%, il Dax tedesco .GDAXI dello 1,17%
e il francese Cac-40 .FCHI dell'1,53%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Sul fronte dei ribassi NOKIA NOK1V.HE (NOK.N: Quotazione) che
scivola di oltre l'11% in Europa, trascinando il paniere europeo
dei tecnologici, dopo aver annunciato vendite in calo nel
trimestre  e rivisto al ribasso l'outlook per le vendite del
2009.
 * I bancari  sono i migliori del paniere europeo, con
BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione), LLOYDS (LLOY.L: Quotazione), BANCO SANTANDER (SAN.MC: Quotazione)
in rialzo di oltre l'1%.
 * Bene anche la farmaceutica NOVARTIS NOVN.VX che ha
registrato un utile netto in linea con le attese. La società ha
migliorato le stime 2009 sulla vendita di medicinali. Il titolo
guadagna 3,2%. Le concorrenti inglesi ASTRAZENECA (AZN.L: Quotazione) e
SHIRE (SHP.L: Quotazione) avanzano dell 1,10% e dell'1%.
 * In denaro anche l'irlandese ELAN ELN.I, che avanza di
oltre il 4% dopo aver ceduto a Johnson & Johnson (JNJ.N: Quotazione) una
quota pari al 18,4% del capitale per 1 miliardo di dollari.
 * Vola la svedese ELECTROLUX (ELUXb.ST: Quotazione) di oltre il 9,8%,
dopo aver annunciato risultati migliori delle attese nel
trimestre nonostante le difficili condizioni di mercato.
 * La famiglia proprietaria di PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione) non
avrebbe ancora approvato una strategia per tagliare i debiti del
gruppo automobilistico e unire le forze con VOLKSWAGEN
(VOWG.DE: Quotazione), ha dichiarato dall'AD pro tempore Uwe Hueck. Smentite
le indiscrezioni stampa che davano l'accordo già concluso, i
titoli salgono rispettivamente dello 3,66% e dello 0,93%.
 * Sul fronte negativo: scivolano i minerari 
appesantiti dal calo del prezzo del rame, con ANGLO AMERICAN
(AAL.L: Quotazione), BHP BILLINTON (BLT.L: Quotazione) che cedono rispettivamente il
2,5% e lo 0,7%.
 * Gli energetici  risentono del calo di oltre 1
dollaro del prezzo del greggio CLc1 che cambia poco al di
sopra dei 60 dollari. TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione) e BG GROUP BG.L sono
in calo rispettivamente dell'1,18% e lo 0,39%. 
 * In controtendenza PETROFAC (PFC.L: Quotazione) avanza di quasi il 5%
dopo che la società ha annunciato che la sua divisione Petrofac
Emirates in partnership con GS E&C, ha vinto un contratto per
2,1 miliardi di dollari per lo sviluppo del settore gas ad Abu
Dhabi.