BORSE EUROPA - Indici poco mossi, deboli i bancari

mercoledì 15 aprile 2009 17:06
 

                                indici             chiusura
                             alle 16,50    var%       2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.266,06    -0,55    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        789,83    -0,02      831,97
DJ Stoxx banche          152,17    -2,29      149,51
DJ Stoxx oil&gas         254,39    -0,81      264,50
DJ Stoxx tech            163,95    -1,52      152,86
----------------------------------------------------------------
 
 MILANO, 15 aprile (Reuters) - Le borse europee confermano il
recupero da inizio seduta e si muovono piatte nel pomeriggio in
sintonia con l'andamento incerto di Wall Street.
 Intorno alle 16,45 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo
0,02%; l'indice risulta ancora in calo del 5% da inizio anno
dopo il -45% archiviato nel 2008, ma è risalito del 22,6% dai
minimi toccati il 9 marzo. 
 Per quanto riguarda i singoli mercati, l'indice di
Francoforte .GDAXI cede lo 0,16%, Parigi .FCHI lo 0,38% e
Londra .FTSE lo 0,75%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Ancora sotto pressione UBS UBSN.VX, in calo di oltre il
6% dopo l'annuncio di una perdita trimestrale da quasi 2
miliardi di franchi svizzeri e di un nuovo taglio di personale
pari all'11% della forza lavoro.
 * Tra le banche Standard Chartered Bank (STAN.L: Quotazione), BNP
Paribas (BNPP.PA: Quotazione) e Credit Agricole (CAGR.PA: Quotazione) cedono tutte più
del 2%.
 * Tengono i titoli difensivi, a partire dai farmaceutici
come Shire (SHP.L: Quotazione), GlaxoSmithKline GSK.l e Novartis
NOVN.VX. Sanofi-Aventis (SASY.PA: Quotazione), che ha siglato un accordo
per comprare l'americana BiPar Sciences per massimi 500 milioni
di dollari, sale dell'1%.
 * Tra i retail bene Morrison (MRW.L: Quotazione) e J. Sainsbury
(SBRY.L: Quotazione).
 * Deboli i titoli delle materie prime sulle persistenti
preoccupazioni per la tenuta della domanda. Rio Tinto (RIO.L: Quotazione)
cede il 2,6%, sopra i minimi di giornata, dopo aver annunciato
un calo della produzione di alluminio del 6% nel primo
trimestre.