BORSE EUROPA- Indici in rialzo trascinati da banche dopo Goldman

martedì 14 aprile 2009 09:45
 

                               indici              chiusura
                              alle 9,40    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.260,99    +0,58    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        785,20    +0,87      831,97
DJ Stoxx banche          155,28    +5,06      149,51
DJ Stoxx oil&gas         255,11    -0,74      264,50
DJ Stoxx tech            162,87    -0,32      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 14 aprile (Reuters) - Le borse europee riprendono
gli scambi dopo le vacanze pasquali con rinnovato ottimismo,
trascinate dal comparto finanziario sulla scia della trimestrale
sopra le attese di Goldman Sachs (GS.N: Quotazione).
 L'istituto americano ha registrato nel primo trimestre un
utile per azione a 3,39 dollari contro un consensus per 1,49
dollari per azione e procederà a un aumento di capitale da 5
miliardi per ripagare in parte i finanziamenti ricevuti dal
governo.
 "I finanziari sono la causa principale degli ultimi 12 mesi
di panico, quindi è normale che gli investitori guardino proprio
ad essi per trascinarci nuovamente in positivo", commenta Chris
Hossain, manager di Odl Securities.
 Intorno alle 9,40 l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 sale
di quasi lo 0,9% dopo aver chiuso giovedì scorso in rialzo del
2,1%, al termine della quinta settimana consecutiva in positivo.
 Londra .FTSE avanza dello 0,44%, Parigi .FCHI dello
0,34% e Francoforte .GDAXI dello 0,39% circa.
 Tra i titoli in evidenza:
 * I risultati sopra le attese di GOLDMAN SACHS (GS.N: Quotazione) (GS.F: Quotazione)
fanno scambiare il titolo sulla piazza tedesca in rialzo di
oltre il 7,3%. CITIGROUP (C.N: Quotazione) TRV.F risente del nuovo
ottimismo che ha travolto il settore finanziario, guadagnando a
Francoforte oltre il 32%.
 * Anche le banche europee beneficiano degli inaspettati
risultati della collega americana: BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) sale
dell'11,15%, LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) dell'8,8%, NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione) del
9,4% e COMMERZBANK (CBKG.DE: Quotazione) di oltre il 10%.
 * E' invece in calo di oltre il 14% negli scambi a
Francoforte GENERAL MOTORS (GM.N: Quotazione) GM.F. Secondo il New York
Times, il Tesoro americano starebbe spingendo l'ex colosso di
Detroit a stendere i lavori preparatori per una richiesta di
bancarotta entro il primo giugno.
 * FORTIS FOR.BR balza dell'8%. Le possibilità di BNP
PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) di comprare gli asset dell'istituto in
difficoltà sono aumentate da quando il tribunale belga ha
sentenziato che tutti gli azionisti hanno diritto a votare
sull'accordo di smembramento. Da parte sua la banca francese -
in rialzo del 6,5% - ha affermato che rinuncerà all'acquisto in
caso di un nuovo rifiuto degli azionisti alla revisione del
piano che sarà presentato a fine mese.
 * La multinazionale olandese PHILIPS ELECTRONICS (PHG.AS: Quotazione)
(PHG.N: Quotazione) è piatta dopo aver manifestato l'intenzione di
velocizzare le sue manovre di ristrutturazione in questo
trimestre dopo aver registrato nei primi tre mesi dell'anno
risultati inferiori alle attese con un Ebita in calo di 74
milioni di euro rispetto a un consensus per un utile di 35
milioni. Ha tuttavia confermato le sue previsioni e non vuole
procedere a ulteriori tagli del personale.