BORSE EUROPA - Positive con banche e farmacetuici

lunedì 22 agosto 2011 09:54
 

                             indici              chiusura 
                           alle 09,45    var.%        2010 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.183,11     +1,11    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3        915,65     +0,64    1.121,67 
Stoxx banche             136,12     +0,63     196,31 
Stoxx oil&gas            278,69     +1,94     332,58 
Stoxx tech               173,37     +0,47     215,82 
----------------------------------------------------------------
 
LONDRA, 22 agosto (Reuters) - Apertura incerta per le borse
europee. Dopo un avvio in ribasso sono passate in positivo entro
i primi 15 minuti per poi tornare negative intorno alle 9.30 e
poi di nuovo positive.
 "Il mercato si muove tra emozioni contrastanti, paura e
avidità. Nelle ultime settimane ci siamo spostati sul lato della
paura. Le paure della recessione costituiscono la maggiore
preoccupazione per gli investitori e abbiamo assistito al
rallentamento piuttosto sostanziale di molti indicatori
economici", ha detto, Keith Bowman, analyst azionario di
Hargreaves Lansdown.
 A guidare gli investitori sono gli acquisti di titoli a
prezzi d'occasione dopo le pensanti perdite delle ultime sedute,
soprattutto nel settore bancario, tra i più colpiti, ma anche il
il ricorso a settori protettivi come quello farmaceutico.
 Alle  9,45 italiane, l'indice FTSEurofirst300 .FTEU3
guadagna lo 0,7%.
 Per quanto riguarda i singoli listini, a Londra il FTSE 100
.FTSE viaggia in positivo di un  punto percentuale, il Dax di
Francoforte .GDAXI guadagna lo 0,15%, il Cac 40 di Parigi
.FCHI segna un +1%, e l'Ibex di Madrid .IBEX guadagna
l'01,08%.
 * Bene il settore bancario europeo  che rimbalza dopo
le perdite delle scorse settimane e guadagna circa un quarto di
punto. Credit Agricole (CAGR.PA: Quotazione) guadagna oltre 3 punti a Parigi
e simile è l'andamento di  Societé Générale (SOGN.PA: Quotazione)
 * In rialzo anche il settore farmaceutico  che
guadagna quasi un punto percentuale ed è tra i migliori in
Europa.