BORSE EUROPA - Indici piatti, pesano ribassi titoli minerari

martedì 3 maggio 2011 09:47
 

                            indici                chiusura
                           alle 9,30      var.%        2010
-------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.999,01      -0,32    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.154,79      -0,20    1.121,67
Stoxx banche             201,03      -0,59      196,31
Stoxx oil&gas            349,06      -0,26      332,58
Stoxx tech               233,71      -0,02      215,82
 ------------------------------------------------------------
 LONDRA, 3 maggio (Reuters) - Le borse europee sono piatte
stamani dopo il recente balzo, penalizzate dai ribassi sui
titoli minerari a seguito del calo dei prezzi dei metalli.
 Intorno alle 9,30 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 dei
principali titoli europei cede lo 0,13%. Tra le singole piazze,
Francoforte .GDAXI arretra dello 0,37%, Parigi .FCHI dello
0,31% circa. Londra è positiva, dopo due giorni di chiusura per
festività, dello 0,30%.
 "Non credo, se guardiamo ai fondamentali, che ci sia spazio
per una fase di forti vendite, ma potrebbe realizzarsi un
piccolo consolidamento", osserva un broker.
 "Gli investitori attendono di vedere come proseguirà la
setimana. Sono attesi diversi dati, inclusi quelli importanti
dei disoccupati Usa venerdì", ha aggiunto
 Tra i titoli in evidenza:
 * MAN GROUP (EMG.L: Quotazione), il più grande hedge fund quotato al
mondo, sale del 4,1% dopo l'annuncio di avere raccolto 1,5
miliardi di dollari per un nuovo fondo aperto legato ai
computere in Giapponese, il lancio di un fondo più grande
dall'avvio della crisi finanziaria. 
 * GEBERIT GEBN.VX balza del 3% a 209,50 franchi svizzeri
dopo che la società di articoli sanitari ha annunciato risultati
trimestrali al di sopra delle attese del mercato.
 * La tedesca INFINEON (IFXGn.DE: Quotazione), specializzata nella
produzione di chip e componenti elettroniche, ha alzato la
guidance per l'intero anno, dopo un buon secondo trimestre per
quanto riguarda il livello degli ordini, anche se continua a
pesare l'incognita del Giappone su forniture e produzione. Il
titolo del gruppo tedesco guadagna lo 0,98%, ed è scambiato a
7,81 euro.