BORSE EUROPA - Indici in calo di oltre 3% dopo Wall Street

martedì 15 marzo 2011 15:24
 

                             indici               chiusura  
                           alle 15,15   var.%      2010  
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.486,10      -3,14    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.073,72      -3,20    1.121,67  
Stoxx banche             200,34      -3,07      196,31  
Stoxx oil&gas            333,01      -2,79      332,58  
Stoxx tech               212,30      -3,85      215,82  
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 15 marzo (Reuters) - Gli indici delle borse europee
scivolano dopo l'apertura di Wall Street in ribasso sui timori
di una catastrofe nucleare in Giappone, che spinge gli
investitori verso asset a basso rischio.
 "Sono tutti molto nervosi, la possibilità di ricadute
nucleari sta spaventando il mercato", dice Giles Watts,
responsabile dell'equity alla City Index a Londra. "Anche se
qualcuno dice che sui fondamentali bisognerebbe acquistare, a
meno che non sia possibile quantificare i rischi della
situazione nucleare, penso che continueremo in questo modo".
 Il governo ha chiesto ai cittadini che abitano all'interno
del raggio di 30 chilometri dall'impianto nucleare di Fukushima
Daiichi di rimanere in casa.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Brillanti i titoli del settore energie rinnovabili come 
RENEWABLE ENERGY (REC.OL: Quotazione), VESTAS (VWS.CO: Quotazione) e GAMESA (GAM.MC: Quotazione). Il
mercato da venerdì scommette che la crisi dell'atomo premierà in
particolare i produttori di energia rinnovabile. La tedesca
CONERGY CGYG.DE batte tutti e più che raddoppia i corsi.
 * Proseguono i realizzi nel settore del lusso, che teme
ricadute sul mercato nipponico, terzo al mondo. Correggono
LVMH (LVMH.PA: Quotazione), BURBERRYH (BRBY.L: Quotazione) e SWATCH UHR.VX, HERMES
(HRMS.PA: Quotazione) e PPR (PRTP.PA: Quotazione) 
 * FOLLI FOLLIE (HDFr.AT: Quotazione), distributore al dettaglio greco,
cade del 10% a causa dell'esposizione al Giappone dove controlla
85 negozi, che rappresentano il 6% dell'Ebitda.
 * Colpite le utilities, il cui paniere  arretra del 
3,5%. Le tedesche RWE (RWEG.DE: Quotazione) ed E.ON (EONGn.DE: Quotazione) scivolano di
oltre il 5%.
 * Depresse EDF (EDF.PA: Quotazione) e AREVA CEPFi.PA, in calo del 4% e
9,5% a causa dei timori di nuovi ripensamenti sul nucleare
europeo in seguito alla crisi giapponese
 * Gli assicurativi e i riassicurativi estendono i cali
iniziati dal sisma mentre si valutano i possibili costi dei
disastri in Giappone. Lo STOXX Europe 600 di settore 
cede il 3,8%, con SWISS RE RUKN.VX, HANNOVER RE (HNRGn.DE: Quotazione) e
MUNICH RE (MUVGn.DE: Quotazione) sotto pressione.
 * A Londra le società di esplorazione di uranio come
BERKELEY RESOURCES (BKY.L: Quotazione), FORTE ENERGY FTEFE.L, KALAHARI
INERALS KAH.L e URU METALS (URU.L: Quotazione) accusano pesanti perdite.