BORSE EUROPA - Indici confermano correzione nel pomeriggio

venerdì 11 marzo 2011 16:25
 

                             indici               chiusura  
                           alle 16,25   var.%      2010  
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.888,65      -0,72    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.123,80      -0,71    1.121,67  
Stoxx banche             206,49      -0,16      196,31  
Stoxx oil&gas            344,77      -0,69      332,58  
Stoxx tech               223,59      -1,08      215,82  
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 11 marzo (Reuters) - Digerita la poco convicente
apertura di Wall Street si conferma l'impostazione ribassista
dell'azionario europeo, che torna sui minimi da inizio dicembre.
 Il violento sisma giapponese e il permanere delle tensioni
geopolitiche in Nord Africa e Medio Oriente rendono gli
investitori meno propensi al rischio.
 Particolarmente colpito il comparto dei riassicuratori,
spaventato dai futuri costi della ricostruzione dopo il
terremoto nipponico.
 "I mercati sono in fase correttiva, è quello che succede se
una calamità naturale viene ad aggiungersi a timori
preesistenti" commenta lo strategist Nbc Stockbrokers Bernard
McAlinden.
 "Non c'è però motivo di temere un collasso dell'azionario:
la tendenza di fondo resta al netto positiva e il quadro ciclico
complessivo delle aspettative su tassi e crescita rimane
rialzista" aggiunge.
 Una scossa sismica della magnitudo di 8,9 - record nella
storia delle rilevazioni in territorio giapponese - ha
determinato un'onda dell'altezza di dieci metri dagli effetti
devastanti, innescando un'allerta tsunami sulle coste
dell'intero Pacifico.
 Intorno alle 16,20 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3
arretra di 0,8%, minimo da inizio dicembre, mentre tra le
singole piazze Londra .FTSE perde 0,4%, Parigi .FCHI 0,9% e
Francoforte .GDAXI 1,3%.
 "I mercati sono in una fase di correzione. Un disastro
naturale (come il terremoto giapponese) accresce il livello di
preoccupazione che già esisteva su altri temi", osserva Bernard
McAlinden di NCB Stockbrokers a Dublino.
 "Non c'è ragione per pensare però a un collasso. La tendenza
di fondo è ancora improntata agli acquisti", aggiunge.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Fortemente penalizzate le compagnie di riassicurazione:
scivolano di circa 5% HANNOVER RE (HNRGn.DE: Quotazione), e MUNICH RE
(MUVGn.DE: Quotazione) tra volumi di scambi pari a oltre il doppio della
media
 Giù anche ALLIANZ (ALVG.DE: Quotazione) e AXA (AXAF.PA: Quotazione)
 * Risalgono dai minimi i finanziari greci e portoghesi,
particolarmente colpiti dalle vendite nel corso delle ultime due
sedute dopo la bocciatura del rating sovrano da parte di Moody's
 * Arretra di quasi 2% SANOFI-AVENTIS (SASY.PA: Quotazione) dopo che un
farmaco sperimentale anti cancro non ha raggiunto gli obiettivi
in una fase finale di sperimentazione clinica