BORSE EUROPA - Indici sotto i massimi dopo dati lavoro Usa

venerdì 4 marzo 2011 15:29
 

                             indici               chiusura  
                           alle 15,15    var.%      2010  
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.977,54      +0,28    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.157,89      +0,17    1.121,67  
Stoxx banche             212,24      -0,35      196,31  
Stoxx oil&gas            360,09      +0,61      332,58  
Stoxx tech               234,27      +0,02      215,82  
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 4 marzo (Reuters) - L'azionario europeo riduce i
guadagni nel primo pomeriggio dopo i dati sugli occupati Usa di
febbraio, appena sopra il consensus mentre alcuni investitori si
aspettavano un numero ancora più alto.
 I dati hanno evidenziato per il mese scorso la creazione di
192.000 nuovi posti di lavoro contro i 185.000 attesi, anche se
sul mercato si vociferava che si potessero superare i 200.000,
sottolinea un trader.
 Attorno alle 15,15 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 sale
dello 0,2% circa. A livello di singole piazze, Londra .FTSE
avanza dello 0,4%, Parigi .FCHI cede un frazionale 0,05% e
Francoforte .GDAXI guadagna lo 0,3%.
 Anche a Wall Street i futures si sono indeboliti dopo il
dato.
 
 Tra i titoli in evidenza:
* CARREFOUR (CARR.PA: Quotazione), il retailer numero due al mondo,
lascia sul terreno più del 3% sui crescenti timori per i piani
di spin-off dopo le dimissioni di un consigliere. "Sembra
esserci un forte dissenso all'interno del consiglio sulla
strategia", commenta un trader.
 * La compagnia riassicurativa tedesca HANNOVER RE (HNRGn.DE: Quotazione)
balza di oltre il 3% dopo l'annuncio che le ripercussioni
finanziarie del devastante terremoto in Nuova Zelanda saranno al
massimo di 150 milioni di euro.
 * HERMES (HRMS.PA: Quotazione) è in rialzo dell'1,2% dopo i risultati
2010 che hanno evidenziato un rialzo del 44% dell'utile
operativo con margini che hanno raggiunto i massimi livelli
dalla quotazione del titolo in borsa nel 1993.
 * WH SMITH (SMWH.L: Quotazione) sale dell'1,7% dopo che Ubs ha rivisto
al rialzo il rating sul distributore di libri e riviste
britannico a "buy" da "neutral" citando le qualità difensive
della società in un contesto di settore sotto pressione.
* WPP (WPP.L: Quotazione), la più grande società di pubblicità al mondo,
proprietaria delle agenzie JWT e Ogilvy & Mather, perde più del
3% con gli analisti che parlano di delusione dei risultati se
confrontati con quelli della rivale francese Publicis (PUBP.PA: Quotazione).
 * Debole BEIERSDORF (BEIG.DE: Quotazione) sui giudizi critici dei broker
per le nuove strategie annunciate ieri dalla società che produte
la crema Nivea.
 * Il gruppo tedesco di investimenti nelle tlc GIGASET
AQUG.DE, la ex Arques, avanza di quasi il 4% dopo che ieri
sera Deutsche Boerse ha annunciato che la società sostituirà
CONERGY CGYG.DE nell'indice tecnologico di Francoforte
.TECDAX a partire dal 21 marzo.