BORSE EUROPA - Indici positivi, aiutano dati, calo greggio

giovedì 3 marzo 2011 10:23
 

                             indici               chiusura  
                           alle 10,15    var.%      2010  
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.685,24      +0,35    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.158,27      +0,39    1.121,67  
Stoxx banche             214,40      +0,14      196,31  
Stoxx oil&gas            357,99      +0,82      332,58  
Stoxx tech               235,25      +1,51      215,82  
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 3 marzo (Reuters) - L'azionario europeo è in rialzo
sostenuto dalle notizie positive sull'economia Usa, dal calo del
prezzo del greggio, con Adecco ADEN.VX tra i migliori del
listino dopo i risultati.
 Voci che Muammar Gheddafi avrebbe detto sì a un piano di
pace avanzato dal presidente venezuelano Hugo Chavez ha spinto
il Brent LCOc1 al ribasso a circa 115 dollari al barile, anche
se le violenze tra i ribelli e le forze fedeli a Gheddafi
continuano a sostenere il mercato.
 I dati di ieri sull'occupazione Usa del settore privato e i
commenti positivi della Federal Reserve nel Beige Book hanno
sostenuto l'azionario in Usa e Asia.
 I dati hanno dato "speranze sul fatto che la ripresa globale
sia forte abbastanza da compensare gli shock che arrivano dalle
turbolenze in Medio Oriente", dice Zahid Mahmood, dealer di
Capital Spreads.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 ALCATEL-LUCENT ALUA.PA sale di oltre il 10% dopo le voci
di una possibile offerta da parte di una società cinese. Un
portavoce Alcatel non ha voluto commentare. Un trader parla di
"voci molto vaghe di offerta dalla Cina". Altri hanno menzionato
una nota positiva sulla società da parte di Barclays Capital.
 CARREFOUR (CARR.PA: Quotazione), secondo gruppo mondiale della grande
distribuzione, sale dell'1,8% dopo aver previsto fatturato in
rialzo e utile operativo nel 2011. Il gruppo si è detto
fiducioso sulla possibilità di rimettere in sesto gli
ipermercati in Europea con tagli dei costi. Nel 2010 ha
registrato utile operativo in rialzo del 9,3% a 2,972 miliardi
di euro, in linea con le previsioni della società di 2,965
miliardi, grazie alla crescita in Asia e America Latina.
 ADECCO ADEN.VX sale del 5% dopo che l'utile del quarto
trimestre superiore alle previsioni.
 AHOLD AHLN.AS cala del 2% dopo che la società della grande
distribuzione olandese ha chiuso con risultati inferiori alle
attese, a causa della forte competizione sul mercato Usa. "Le
due divisioni core hanno entrambe fatto meno bene delle
previsioni e questo è motivo di delusione", dicono gli analisti
di Citi in una nota. Citi ritiene che gli spazi al ribasso siano
limitati a causa del piano di buyback da un miliardo di euro.
 INVENSYS ISYS.L perde l'1% dopo il downgrade da parte di 
Morgan Stanley a "equal-weight" da "overweight". Un trader dice
che la banca preferisce altre società del settore, come ABB
ABBN.VX, Weir (WEIR.L: Quotazione) e Alstom (ALSO.PA: Quotazione), sulle quali ha
aumentato i target.
 Il gruppo assicurativo olandese DELTA LLOYD (DLL.AS: Quotazione) è il
migliore dell'indice STOXX Europe 600 del settore assicurativo
, con un rialzo del 2%, dopo l'utile operativo superiore
alle previsioni. "A dispetto del mercato difficile, Delta Lloyd
ha fatto bene nel 2010. Prevediamo che la divisione banca e
assicurazione continuerà a beneficerà di migliorate condizioni
di mercato", dice l'analista SNS Securities Lemer Salah.
 IMI (IMI.L: Quotazione) è la migliore dell'indice FTSE 100 .FTSE con
+5%, dopo il balzo dell'utile superiore alle previsioni e il
netto aumento del dividendo proposto. "Nonostante le revisioni
al rialzo nel corso dell'anno, i risultati sono migliori delle
previsioni", dice l'analista Brewin Dolphin.
 TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione) sale di oltre il 3% dopo aver trovato
greggio di qualità eccellente nel pozzo Enyenra-2a. Oriel
Securities ha migliorato la raccomandazione a "hold" da "reduce"
e il net asset value di 30 pence per azione a 1.063 pence.
 AMEC AMEC.L sale del 6% dopo aver superato le stime con un
balzo del 30% dell'utile 2010. Amec ha realizzato Ebita a 271,8
milioni di sterline che si confronta con una previsione media
degli analisti a 260 milioni. "Alla luce di questi risultati
forti stiamo rivedendo al rialzo le previsioni sull'utile
pretasse 2011 a 302 da 285,7 milioni", dice Seymour Pierce in
una nota, ribadendo la raccomandazione ADD.