BORSE EUROPA - Indici poco mossi, debole HSBC dopo risultati

lunedì 28 febbraio 2011 10:27
 

                             indici               chiusura  
                           alle 10,15   var.%      2010  
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.981,85      -0,11    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.159,21      -0,03    1.121,67  
Stoxx banche             217,41      -0,88      196,31  
Stoxx oil&gas            359,29      +0,36      332,58  
Stoxx tech               232,14      +0,47      215,82  
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 28 febbraio (Reuters) - Partite in calo, le borse
europee sono poco mosse nella mattinata dopo il rimbalzo di
venerdì.
 Continua a destare allarme l'escalation di tensioni in Libia
e l'ulteriore apprezzamento del greggio, con il Brent LCOc1
sui 114 dollari al barile, mentre sul fronte societario perde
terreno HSBC, la maggiore banca del continente, che ha da poco
annunciato i risultati di bilancio.
 Intorno alle 10,15 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 sale dello 0,02% Tra i singoli mercati Francoforte
.GDAXI è piatto 0,3%, Parigi .FCHI lo 0,14%, Londra .FTSE
lo 0,2%.
 
 I titoli in evidenza:
 * HSBC (HSBA.L: Quotazione) (0005.HK: Quotazione) cede oltre il 3%, mentre prima dei
risultati saliva di circa il 2%. Il gruppo ha rivisto al ribasso
alcuni target finanziari per via di una regolamentazione più
restrittiva e ha annunciato un utile leggermente inferiore alle
attese. La prima banca europea ha registrato nel 2010 un utile
pretasse più che raddoppiato a 19 miliardi di dollari (13,8
miliardi di euro); il consensus Reuters ipotizzava un utile di
circa 20 miliardi.  
 * Perde circa il 4% AB FOODS (ABF.L: Quotazione), che ha previsto un
rallentamento della crescita della sua catena Primark e un
aumento dei costi di produzione dello zucchero.
 * Tiene BAYER (BAYGn.DE: Quotazione), in leggero rialzo nonostante
l'annuncio di obiettivi biennali sugli utili core inferiori alle
stime del mercato a causa della crescente concorrenza sui suoi
farmaci più venduti.