BORSE EUROPA - Indici poco mossi, mossa Cina pesa su minerari

venerdì 18 febbraio 2011 15:55
 

                             indici               chiusura  
                           alle 15,35   var.%      2010  
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       3.060,74      -0,12    2.792,82
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.186,05      -0,10    1.121,67  
Stoxx banche             226,90      -0,73      196,31  
Stoxx oil&gas            360,18      +0,13      332,58  
Stoxx tech               237,02      -0,68      215,82  
---------------------------------------------------------------
LONDRA, 18 febbraio (Reuters) - Le borse europee sono poco
mosse nel primo pomeriggio, non lontane dai massimi di 29 mesi.
 Il settore minerario  è il peggiore dopo che la Cina
ha alzato di altri 50 punti base il coefficiente di riserva
obbligatoria per le banche commerciali del paese, una mossa che
si inserisce nella strategia di lotta all'inflazione e che,
togliendo liquidità all'economia, potrebbe ridurre la domanda
nel maggior consumatore di metalli al mondo. Il comparto perde
l'1,6%.
 Poche indicazioni arrivano dall'avvio poco mosso di Wall
Street.
 Intorno alle 15,35 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 cede lo 0,1%. Sui singoli mercati Londra .FTSE perde
lo 0,5%, Parigi .FCHI lo 0,2%, Francoforte è piatta.
 
 I titoli in evidenza:
* La francese LAFARGE LAFP.PA sale di oltre il 3% dopo
aver previsto una forte domanda di cemento quest'anno nei
mercati di riferimento grazie alla veloce crescita economica dei
paesi emergenti e dopo aver annunciato un'alleanza con il gruppo
minerario ANGLO-AMERICAN (AAL.L: Quotazione). A sua volta la società
britannica arretra del 3% su prese di beneficio dopo risultati
sopra le attese. Gli analisti citano la delusione per la
dimensione del dividendo.
 * FRANCE TELECOM FTE.PA guadagna l'1,5% grazie alla
promozione da parte di Barclays a "equal-weight". 
 * Pesante il produttore di navigatori olandese TOMTOM
(TOM2.AS: Quotazione) che risente di un outlook cauto per il 2011 e affonda
del 10%.
 * I risultati inferiori alle attese e le stime prudenti
pesano sul gruppo portoghese del retail JERONIMO MARTINS
(JMT.LS: Quotazione) che cede oltre il 5%.
 * RENTOKIL INITIAL (RTO.L: Quotazione) lascia sul terreno quasi il 5%
sulla scia di utili annuali sotto le attese di mercato e del
mancato ritorno al dividendo.