BORSE EUROPA - Indici risalgono dopo Bce, poi tornano negativi

giovedì 3 febbraio 2011 16:34
 

                             indici              chiusura 
                           alle 16,10   var.        2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.699,06    -0,44%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.157,21    -0,45%    1.045,76 
Stoxx banche             217,46    -0,65%      221,27 
Stoxx oil&gas            328,88    +0,36%     330,54 
Stoxx tech               235,10    -0,87%     184,35 
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 3 febbraio (Reuters) - Le Borse europee cancellano
brevemente il ribasso, ma tornano in terreno negativo dopo la
nuova ondata di dati Usa alle 16 italiane.
 L'azionario è stato sostenuto dal calo dei disoccupati
settimanali negli Usa e dai commenti meno aggressivi sul fronte
della lotta all'inflazione da parte del presidente della Banca
centrale europea, Jean-Claude Trichet. 
 "I dati sull'occupazione negli Stati Uniti, associati con
quanto detto dalla Bce hanno aiutato gli indici a risalire dai
minimi. Risalgono le azioni legate alle materie prime,
controbilanciando la caduta di Shell", dice un trader.
 Le richieste di sussidi negli Stati Uniti si sono rivelate
inferiori alle previsioni, indicando una graduale ripresa del
mercato del lavoro.
 I dati Usa delle 16 sul terziario e sugli ordini
all'industria si sono risultati più forti delle previsioni.
 Intorno alle 16,10, tra le singole piazze, il Dax tedesco
.GDAXI scende dello 0,27%, l'indice britannico .FTSE perde
lo 0,71% e quello francese .FCHI l'1,28%.
 
 I titoli in evidenza:
 
 * ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione) cede il 3,6% dopo risultati
inferiori alle attese. 
 * Il BANCO SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) cala di oltre il 2%,
sull'utile netto in flessione a causa del forte calo dei prezzi
degli immobili in Spagna.
 BT (BT.L: Quotazione) sale del 3% dopo aver annunciato che la divisione
Global Services riuscirà a produrre liquidità quest'anno e
grazie al rialzo del 7% dell'utile core nel terzo trimestre in
seguito al taglio dei costi.
 * EAGA EAGA.L sale di oltre il 20% dopo aver ricevuto
un'offerta da un soggetto strategico al di fuori del settore,
che non è stata nominato. 
 "L'uso della parola 'strategico' ci suggerisce che si tratti
di un fondo di private equity", dice l'analista di Panmure
Gordon, Andy Brown. 
 * VODAFONE (VOD.L: Quotazione) perde lo 0,8% con gli analisti cauti
sulla valutazione dopo i dati del trimestre. Ma c'è domanda
sulle opzioni call sul titolo.
 * SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) perde il 3%, dopo una nota di
Oddo Securities che avanza dubbi sulla possibilità della banca
di raggiungere gli obiettivi in termini di utili. Oddo taglia il
target price a 41 da 44 euro, citando "rischi di delusione" per
gli utili 2011 e 2012 legati alla divisione investment banking.