BORSE EUROPA - Indici proseguono rialzo ieri, bene commodities

mercoledì 2 febbraio 2011 10:08
 

                             indici              chiusura 
                           alle 10,00   var.        2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       3.020,52    +0,46%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.165,98    +0,53%    1.045,76 
Stoxx banche             220,16    +1,37%      221,27 
Stoxx oil&gas            359,39    +0,29%     330,54 
Stoxx tech               234,23    +0,55%     184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 2 febbraio (Reuters) - Si muove in positivo
l'azionario europeo, proseguendo nel movimento rialzista di ieri
che porta gli indici sui massimi delle ultime tre settimane in
un clima di rinnovato ottimismo favorito dagli ultimi dati macro
e trimestrali.
 Particolarmente ben impostato il comparto di minerari e
materie prime, sulla spinta del nuovo rincaro delle commodities
metallifere e non, mentre sembra rientrata la fase più acuta
della crisi geopolitica mediorientale.
 "Sembra che la congiuntura economica mondiale si stia
riprendendo leggermente più in fretta del previsto: migliorano
le aspettative e gli utili societari finora pubblicati sono
piuttosto positivi e gli investitori ne approfittano" commenta
lo strategist Bnp Paribas Fortis Geert Ruysschaert.
 Intorno alle 10 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 avanza di
0,47%, mentre tra le singole piazze il Dax tedesco .GDAXI fa
+0,19%, l'indice britannico .FTSE +0,91% e quello francese
.FCHI +0,22%.
 
 I titoli in evidenza:
 * Tra i minerari particolarmente bene fa Enrc ENRC.L, che
rimbalza oltre 4% dopo i dati sulla produzione del quarto
trimestre e sulle attività in Kazakhstan. In rialzo tra 2% e 3%
anche i titoli Anglo American (AAL.L: Quotazione), Bhp Billiton (BLT.L: Quotazione) e
Rio Tinto (RIO.L: Quotazione).
 * Debole Roche ROG.VX, in calo di circa 2% dopo la
pubblicazione dell'esercizio 2010 archiviato con un utile netto
per azione core pari a 12,78 franchi contro i 13 franchi del
consensus e un fatturato pari a 47,5 miliardi (47,958 miliardi
la mediana delle attese Reuters)
 * La diffusione del trimestre penalizza anche Scania
SCVb.ST, che arriva a cedere oltre 5%. Il gruppo svedese
chiude il bilancio 2010 con un utile operativo di 12,746 milioni
di corone contro il consensus di 13,153 milioni e proponendo un
dividendo pari a 5 corone per azione
 * Piatta Bbva (BBVA.MC: Quotazione) nel giorno della trimestrale
ampiamente in linea alle attese. L'istituto spagnolo chiude il
2010 con un utile netto pari a 4,61 miliardi contro i 4,58
miliardi del consensus
 * A picco Electrolux (ELUXb.ST: Quotazione), in calo di oltre 6% dopo la
diffusione dei risultati del quarto trimestre. La società
svedese ha annunciato che intende varare una stretta sui prezzi
volta a bilanciare i rincari delle materie prime
 * Sugli scudi Imperial Tobacco IMT.L, con un progresso di
circa 4% legato alla pubbicazione dei risultati trimestrali che
attestano un ritorno all'utile negli ultimi mesi del 2010
 * Rimbalza fino a 13% la norvegese Renewable Energy
(REC.OL: Quotazione), che anticipa un quarto trimestre migliore delle
attese.