BORSE EUROPA - Indici in rialzo su tech, petroliferi, minerari

martedì 1 febbraio 2011 15:56
 

                             indici              chiusura 
                           alle 15,50    var.        2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.994,25    +1,38%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.156,63    +1,15%    1.045,76 
Stoxx banche             216,04    +1,33%      221,27 
Stoxx oil&gas            355,69    +2,28%     330,54 
Stoxx tech               281,86    +1,00%     184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 1 febbraio (Reuters) - I listini azionari europei si
rafforzano nel pomeriggio dopo l'apertura positiva di Wall
Street.
 I forti dati sul settore manifatturiero della zona euro e le
buone notizie sul fronte delle trimestrali di Autonomy AUTN.L
e Infineon (IFXGn.DE: Quotazione) hanno sostenuto il sentiment sul mercato
fin dalla mattinata.
 A gennaio il manifatturiero europeo ha mostrato
un'accelerazione maggiore delle attese (indice Pmi a 57,3 dalla
stima flash di 56,9) e ai massimi di aprile segnalando che il
settore sta ritrovando il ritmo nelle principali nazioni della
regione.
 "Stiamo registrando una giornata molto positiva. Ci sono
stati dei buoni dati Pmi della zona euro", dice Peter Dixon,
economista a Commerzbank, ha detto.
 "Penso anche che il mercato sia spinto al rialzo dai alcuni
forti risultati aziendali. La borsa sembra solida in questo
momento anche se qualsiasi cosa potrebbe farla deragliare con la
situazione in Egitto", ha aggiunto l'economista.
 I tecnologici  sono tra i titoli più gettonati oggi
dopo le trimestrali di Autonomy e di Infineon. Anche i titoli
del settore minerario  sono sostenuti per la seconda
seduta consecutiva sulla crescente fiducia per la ripresa
globale e per le prospettive del mercato dei metalli, mentre i
petroliferi  beneficiano delle sostenute quotazioni del
greggio.
 Attorno alle 15,50 l'indice pan-europeo FTSEurofirst 300
.FTEU sale dell'1,1% dopo la chiusura piatta di ieri.
 Sui singoli mercati, il Dax .GDAXI tedesco avanza
dell'1,2%, l'indice britannico .FTSE dell'1,4%, il Cac-40
.FCHI francese dell'1,2%.
 
 I titoli in evidenza:
 
 * AUTONOMY AUTN.L, produttore di infrastrutture sofware
per aziende, balza dell'8% dopo la trimestrale che ha
evidenziato ricavi leggermente sopra le attese, grazie
soprattutto all'accelerazione delle vendite del suo prodotto
principale, il sistema informatico Idol.
 
 * Il produttore di chip tedesco INFINEON (IFXGn.DE: Quotazione) sale del
2,2%, dopo aver migliorato l'outlook sul 2011.
 
 * Sempre nel comparto tecnologico ARM ARM.L guadagna il
5,5% dopo i dati migliori delle previsioni che hanno portato il
broker Numis Securities a rivedere al rialzo il target price sul
titolo.
 
 * Tra i minerari si registrano rialzi nell'ordine del 5% per
ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione), FRESNILLO (FRES.L: Quotazione) e KAZAKHMYS (KAZ.L: Quotazione),.
L'indice Stoxx Europe 600 delle risorse di base sale del 2%
sostenuto anche dai dati sulla crescita del settore
manifatturiero cinese.
 
 * BP PLC (BP.L: Quotazione) è piatto e annulla le iniziali perdite dopo
i risultati inferiori alle previsioni, a fronte di un settore
particolarmente tonico.
 
 * SKF (SKFb.ST: Quotazione), colosso svedese nella produzione di
cuscinetti a sfera e considerato uno dei titoli di riferimento
del settore manifatturiero perde oltre il 7% dopo l'annuncio di
utili trimestrali poco sotto le stime. La società ha inoltre
espresso cautela per i crescenti costi delle materia prime e per
gli effetti negativi causati dal rafforzamento della corona.
 
 * CONTINENTALL (CONG.DE: Quotazione) sale del 2,3% a fronte di un indice
automotive piatto, dopo che Deutsche Bank ha rivisto al rialzo
la raccomandazione a "buy" da "hold".
 
 * DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione) sale dell'1% nonostante i
risultati del trimestre si siano rivelati ben inferiori alle
attese. Il risultato sconta tuttavia i costi di ristrutturazione
della divisione investment bank e dell'integrazione di Deutsche
Postbank e Sal. Oppenheim e questo, secondo gli analisti,
potrebbe consentire all'istituto di avvicinarsi ai difficili
target di quest'anno.