BORSE EUROPA-Indici in calo, focus su Portogallo,trimestrali Usa

lunedì 10 gennaio 2011 10:07
 

                             indici              chiusura 
                           alle 9,50    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.772,70    -1,27%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.135,84    -0,75%    1.045,76 
Stoxx banche             197,63    -1,68%      221,27 
Stoxx oil&gas            344,64    -0,84%      330,54 
Stoxx tech               217,93    -0,61%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 10 gennaio (Reuters) - Le piazze europee scivolano
in rosso con il riaffacciarsi dei timori legati alla crisi
debitoria. L'attenzione degli investitori si concentra sul
Portogallo, mentre un occhio cadrà anche sugli Stati Uniti dove
oggi inizia la stagione delle trimestrali.
 "La crisi debitoria è ancora sullo sfondo. Vediamo una certa
delusione per quanto riguarda il Portogallo e i tassi di
interesse che il paese paga. Anche altri paesi andranno sul
mercato nel breve periodo", ha detto Keith Bowman, analista per
l'equity a Heargreaves Lansdown.
 Una fonte di alto livello della zona euro ha detto che la
pressione sul Portogallo da parte di Germania e Francia perché
accetti gli aiuti Ue/Fmi sta montando.
 Particolarmente colpiti sono i titoli finanziari, con
l'indice di settore  giù di quasi l'1,7%.
 Intorno alle 9,50 l'indice europeo FTSEurofirst 300 .FTEU3
perde lo 0,72%. Sui singoli mercati il Ftse 100 britannico
.FTSE cala dello 0,46%, il Dax tedesco .GDAXI dello 0,24% e
il Cac 40 francese .FCHI dello 0,65%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Tra le banche, cedono intorno al 5% BANCO COMERCIAL
PORTUGUES (BCP.LS: Quotazione) e BANK OF PIRAEUS (BOPr.AT: Quotazione). Ribassi
dell'ordine del 3% per BANCO ESPIRITO SANTO BES.LS e BANCO
POPULAR (POP.MC: Quotazione).
 * CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione) perde il 3%. Sarà l'isituto più
colpito in Europa dalle tasse sul settore che potrebbero
assorbire fino al 24% del suo utile pre tasse, scrive il
Financial Times.
 * DANISCO DCO.CO balza del 26%. Il gruppo chimico
statunitense DUPONT (DD.N: Quotazione) ha detto di voler comprare la società
danese specializzata in ingredienti ed enzimi alimentari per 5,8
miliardi di dollari.
 * SANOFI-AVENTIS (SASY.PA: Quotazione) ha ammesso di aver avuto delle
trattative con GENZYME GENZ.O GENZ.F per un diritto valore
contingente sul Lemtrada, farmaco dell'americana contro la
sclerosi multipla. La francese cede l'1%, mentre la quotazione a
Francoforte di Genzyme balza del 3,8%.
 * VODAFONE (VOD.L: Quotazione) avanza dello 0,7% dopo che Credit Suisse
ne ha alzato il giudizio a 'outperform' da 'neutral'. L'avanzata
dell'iPhone in Germania e negli Stati Uniti dovrebbe permettere
all'operatore una performance migliore dei suoi concorrenti e
tornare in crescita in Europa nel quarto trimestre, scrive la
banca.
 * SMITH & NEPHEW (SN.L: Quotazione), il primo produttore di protesi per
ginocchia e anche d'Europa, balza del 10%. Sky News nel fine
settimana ha detto che JOHNSON & JOHNSON (JNJ.N: Quotazione) ha avuto dei
contatti con la società per acquisirla per una cifra pari a 7
miliardi di sterline.