BORSE EUROPA - Indici positivi, rally Gb in prima seduta 2011

martedì 4 gennaio 2011 10:23
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,15    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.836,78    -0,09%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.138,83    +0,58%    1.045,76 
Stoxx banche             199,70    +0,79%      221,27 
Stoxx oil&gas            340,74    +1,64%      330,54 
Stoxx tech               219,41    +0,42%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 4 gennaio (Reuters) - Le piazze europee viaggiano in
territorio positivo, estendendo i guadagni della seduta di ieri,
grazie in particolare al rialzo di Londra alla sua prima seduta
dell'anno, che recupera terreno dopo essere rimasta chiusa ieri.
 "Le persone stanno iniziando a notare che si sono dei
miglioramenti nel quadro del mercato del lavoro negli Stati
Uniti. Ci si potrebbe aspettare di vedere che la fiducia del Pmi
si rifletta negli occupati non agricoli [di venerdì]", ha detto
Philip Isherwood, strategist per l'azionario europeo con
Evolution Securities.
 La performance migliore è data dal paniere delle materie
prime  e dei titoli dell'energia , entrambi in
progresso dell'1,6%. 
 Intorno alle 10,15 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 guadagna lo 0,58%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE avanza dell'1,73%, il Dax tedesco .GDAXI
cede invece lo 0,23%, mentre il Cac 40 francese .FCHI sale
dello 0,2%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * BP (BP.L: Quotazione) guadagna il 5% circa dopo che il quotidiano
britannico Daily Mail ha scritto che ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione),
su dello 0,6%, avrebbe preso in considerazione l'idea di un
takeover a seguito dell'incidente del Golfo del Messico, ma
sarebbe stata scoraggiata dalla mancanza di indicazioni sul
totale dei costi che Bp potrebbe dover ancora pagare.
 * DESIRE PETROLEUM DES.L è in caduta libera, arrivando a
perdere oltre il 20%. La petrolifera ha annunciato che anche
nell'ultimo pozzo di una serie nel prospetto presso le Isole
Falkland non ha trovato tracce significative di idrocarburi. Il
titolo, che il 20 settembre era arrivato a toccare 180 pence,
ora ne vale 37.
 * Il titolo della BANK OF PIRAEUS (BOPr.AT: Quotazione) crolla di circa
l'11%. Il quarto istituto greco starebbe scontando un forte
sconto sul prezzo del suo aumento di capitale, spiegano dei
broker.
 * Il gruppo tedesco di costruzioni HOCHTIEF (HOTG.DE: Quotazione) cede
l'1,4% dopo che la spagnola ACS (ACS.MC: Quotazione) è riuscita a
raccogliere il 30,3% della tedesca.
 * ROYAL BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione) mette a segno un progresso
di quasi il 4% dopo che Exane Paribas ha alzato il giudizio sul
titolo a 'outperform' da 'neutral'. Le forti vendite sul titolo
per l'esposizione della banca all'Irlanda hanno spianato la
strada a opportunità di acquisto.
 * La francese CARREFOUR (CARR.PA: Quotazione) avanza di oltre il 2% dopo
che BofA Merrill Lynch ha alzato il suo giudizio a 'buy' da
'neutral'.