BORSE EUROPA - Indici estendono ribasso fra volumi contenuti

lunedì 27 dicembre 2010 15:48
 

                             indici               chiusura 
                         alle 15,45      var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.816,87    -1,57%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.136,56    -0,95%    1.045,76 
Stoxx banche             199,67    -1,27%      221,27 
Stoxx oil&gas            336,38    -0,67%      330,54 
Stoxx tech               216,02    -0,57%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 27 dicembre (Reuters) - L'azionario europeo estende
il ribasso, in concomitanza con l'avvio debole di Wall Street,
fra scambi estremamente sottili a seguito della decisione cinese
di alzare i tassi presa nel corso del fine settimana.
 Alle 15,45, tra i singoli listini, Parigi .FCHI cede
l'1,44%, Francoforte .GDAXI l'1,46%. Londra è chiusa. L'indice
Ftseurofirst300 .FTEU3 arretra dello 0,95% a 199,50 punti.
 Volumi sottili sono attesi anche a Wall Street dove molti
trader potrebbero non avere raggiunto gli uffici. Nel Nordest
del Paese è infatti in atto una forte tempesta con ripercussioni
sui trasporti.
 
 Tra i titoli in evidenza: 
 * L'auto è sotto pressione, lo STOXX Europe 600 Automotive
Index  perde oltre il 3%, con i trader che guardano alla
Cina che ha preso misure perlimitare le immatricolazioni di
nuove auto. VOLKSWAGEN (VOWG_p.DE: Quotazione), DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione), BMW
(BMWG.DE: Quotazione), PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione), PEUGEOT (PEUP.PA: Quotazione) e RENAULT
(RENA.PA: Quotazione) sono tutte in forte ribasso. Venerdì l'auto alla borsa
di Shanghai ha perso terreno in modo deciso dopo che Pechino ha
annunciato misure per limitare le immatricolazioni al fine di
limitare traffico e inquinamento.
 * Peggiora ancora SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) con un calo del 3,47%.
GE Capital, controllata General Electric (GE.N: Quotazione), ha annunciato
la cessione del portafoglio mutui in Messico da 2 miliardi di
dollari a Santander.