BORSE EUROPA - Indici negativi dopo Cina, pesante settore auto

lunedì 27 dicembre 2010 10:13
 

                             indici               chiusura 
                         alle 10,05      var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.828,28    -1,18%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.139,50    -0,71%    1.045,76 
Stoxx banche             200,70    -0,76%      221,27 
Stoxx oil&gas            336,69    -0,58%      330,54 
Stoxx tech               216,31    -0,97%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 27 dicembre (Reuters) - L'azionario europeo è
negativo e chiude il rally di fine anno, dopo l'aumento dei
tassi in Cina che ha risvegliato i timori legati a una stretta
sul fronte monetario.
 I volumi sono ridotti per le festività. Chiusa la borsa di
Londra.
 "Le vacanze di Natale sono finite e probabilmente la notizia
più rilevante è l'aumento dei tassi in Cina, che arriva per la
seconda volta da metà ottobre, per combattere l'inflazione che è
ai massimi da oltre due anni", dice un trader di Close Brothers
a Francoforte.
 Alle 10,05, tra i singoli listini, Parigi .FCHI cede
l'1,16%, Francoforte .GDAXI l'1,23%.


 Tra i titoli in evidenza: 
 * L'auto è sotto pressione, lo STOXX Europe 600 Automotive
Index  perde oltre il 3%, con i traders che guardano alla
Cina che ha preso misure perlimitare le immatricolazioni di
nuove auto. VOLKSWAGEN (VOWG_p.DE: Quotazione), DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione), BMW
(BMWG.DE: Quotazione), PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione), PEUGEOT (PEUP.PA: Quotazione) e RENAULT
(RENA.PA: Quotazione) perdono tra l'1,7 e il 6%. Venerdì l'auto alla borsa
di Shanghai ha perso terreno in modo deciso dopo che Pechino ha
annunciato misure per limitare le immatricolazioni al fine di
limitare traffico e inquinamento.
 * SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) cala dell'1,8%. GE Capital, controllata
General Electric (GE.N: Quotazione), ha annunciato la cessione del
portafoglio mutui in Messico da 2 miliardi di dollari a
Santander.