BORSE EUROPA - Indici fermi sulla parità, balza Arm Holdings

mercoledì 22 dicembre 2010 15:44
 

                             indici               chiusura 
                         alle 15,35      var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.876,83    -0,01%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.147,41    +0,16%    1.045,76 
Stoxx banche             203,15    +0,08%      221,27 
Stoxx oil&gas            337,49    +0,10%      330,54 
Stoxx tech               217,86    +0,16%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 22 dicembre (Reuters) - Le borse europee sono poco
mosse nel primo pomeriggio, con i timori per la crisi del debito
della zona euro alleviati dalle indiscrezioni stampa secondo cui
la Cina sarebbe pronta ad acquistare tra 4 e 5 miliardi di euro
di debito sovrano portoghese per aiutare il paese a scongiurare
pressioni sul mercato del debito.
 I volumi sono comunque sottili in vista delle festività
natalizie e della fine dell'anno.
 Anche a Wall Street l'avvio di seduta è all'insegna
dell'incertezza con gli indici intorno alla parità.
 Intorno alle 15,35 l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 è in
marginale rialzo. Tra i singoli listini, Parigi .FCHI cala di
un frazionale 0,01%, Francoforte .GDAXI dello 0,03% mentre
Londra .FTSE sale dello 0,39%.


 Tra i titoli in evidenza: 
 * ARM Holdings ARM.L mette a segno un rialzo di oltre il
10% sulle indiscrezioni secondo cui Microsoft (MSFT.O: Quotazione) starebbe
per presentare una versione del suo software che gira per la
prima volta sui processori progettati dal gruppo britannico.
 * HERMES (HRMS.PA: Quotazione) balza di quasi il 3% dopo che LVMH
(LVMH.PA: Quotazione) ha alzato la sua quota nella società del lusso sopra
il 20%.
 * BSKYB BSY.L guadagna il 2% sul miglioramento delle
prospettive di un via libera delle autorità all'offerta di News
International (NWSA.O: Quotazione) per rilevare l'operatore pay-tv.
 * ADIDAS (ADSGn.DE: Quotazione) perde poco più dell'1% circa dopo che la
rivale Nike (NKE.N: Quotazione) ha comunicato dati sugli ordini futuri che
hanno mancato le attese di molti analisti.