BORSE EUROPA - Indici lieve rialzo, sostenuto da dati macro

lunedì 13 dicembre 2010 09:47
 

                             indici              chiusura 
                          alle 9,35     var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.842,08    +0,10%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.127,84    +0,20%    1.045,76 
Stoxx banche             204,00    -0,16%      221,27 
Stoxx oil&gas            329,98    +0,34%      330,54 
Stoxx tech               209,45    +0,10%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 13 dicembre (Reuters) - L'azionario europeo apre in
lieve rialzo dopo i dati macro da Usa e Cina, che hanno
alimentato la propensione al rischio degli investitori, e sulle
speranze che Pechino eviti la decisione di aumentare i tassi di
interesse, almeno nell'immediato futuro.
 Debole l'indice dei bancari.
 "Il tono del mercato è positivo grazie ai dati forti e ad
alcuni annunci positivi in tema di politica economica, arrivati
dagli Stati Uniti la scorsa settimana", dice Koen De Leus,
strategist di KBC Securities e Bruxelles."Ma non penso ci siano
molti investitori disponibili a prendere rischi gli ultimi
giorni dell'anno. Il mercato potrebbe diventare piuttosto
volatile nei prossimi giorni a causa dei volumi ridotti".
 Tra i titoli in evidenza:
 I minerari sono tra i migliori con lo STOXX Europe 600 delle
materie prime  in rialzo dell'1,36%. ANGLO AMERICAN
(AAL.L: Quotazione) sale dell'1,6%, ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione) +1%.
 SANOFI-AVENTIS (SASY.PA: Quotazione) è poco mossa, dopo aver deciso di
estendere l'offerta a 69 dollari per azione sulla società
biotech Usa Genzyme GENZ.O al 21 gennaio. Finora ha aderito
all'offerta solo lo 0,9% degli azionisti.
 AREVA CEPFi.PA, leader del nucleare francese controllata
dallo Stato, torna a essere trattato in borsa con un rialzo del
5%, dopo che il board ha approvato un aumento di capitale da 900
milioni di euro, che vedrà il Kuwait prendere una quota di quasi
il 5%. Il ministro dell'Economia Christine Lagarde ha detto in
un'intervista a Les Echos che non esclude di aprire le attività
di ricerca di uranio e energie rinnovabili di Areva agli
investitori.
 RENAULT (RENA.PA: Quotazione) (+2,6%) potrebbe chiudere l'anno con un
utile netto record di 3,3 miliardi di euro, da una perdita di 3
miliardi lo scorso anno, scrive Le Figaro. Il fatturato dovrebbe
arrivare a 38 miliardi di euro.