BORSE EUROPA - Indici in calo, zavorrati da settore bancario

martedì 30 novembre 2010 15:44
 

                             indici              chiusura 
                          alle 15,35    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.475,11    -0,33%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.066,63    -0,24%    1.045,76 
Stoxx banche             189,00    -1,23%      221,27 
Stoxx oil&gas            306,36    +0,33%      330,54 
Stoxx tech               198,94    +0,14%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 30 novembre (Reuters) - Le borse europee sono
negative, zavorrate da un settore bancario sempre più pesante a
causa delle preoccupazioni per la situazione finanziaria dei
paesi periferici della zona euro.
 Secondo alcuni analisti le preoccupazioni per
un'intensificazione dei problemi finanziari di Portogallo e
Spagna potrebbero innervosire i mercati nelle prossime settimane
e alimentare le speculazioni su quale potrebbe essere il
prossimo paese a chiedere aiuto finanzario dopo l'Irlanda.
 Il settore bancario è tra i peggiori. Sotto i riflettori
soprattutto le banche portoghesi, dopo che la banca centrale del
Portogallo ha dichiarato che gli istituti di credito del paese
corrono "un rischio intollerabile" se il governo non riuscirà a
riportare sotto controllo la spesa pubblica.  
 Intorno alle 15,35 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 cede lo 0,24%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE perde lo 0,28%, il Dax tedesco .GDAXI lo
0,44%, mentre il Cac 40 francese .FCHI l'1,02%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Il settore finanziario cede l'1,23% . In deciso
calo le banche portoghesi, con Banco Espirito Santo BES.LS che
cede oltre il 3,2% e Millennium (BCP.LS: Quotazione) l'1,5%. Stessa sorte
per le banche greche, mentre Bank of Ireland BKIR.MI guadagna
il 2,9%. 
 * In forte ribasso le banche francesi, su voci di mercato
che Standard & Poor's potrebbe tagliare l'outlook della Francia:
Natixis (CNAT.PA: Quotazione) cede il 4,2%, Credit Agricole (CAGR.PA: Quotazione) il
3,5%, Societe Generale (SOGN.PA: Quotazione) il 4,8% e BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione)
il 3,8%. Un portavoce di S&P non ha voluto commentare.
 * THYSSENKRUPP (TKAG.DE: Quotazione) cede l'1,4%. Nonostante abbia
presentato risultati sopra le attese e previsto utili in
crescita per il 2011, gli analisti ritengono che l'outlook dato
dalla società sia "conservatore".
 * HOCHTIEF AG (HOTG.DE: Quotazione), il più grande gruppo di costruzioni
della Germania, avanza di circa il 2,1% dopo che l'autorità
tedesca BaFin ha approvato l'Opa ostile di Acs (ACS.MC: Quotazione).
 * In rialzo i titoli del settore eolico. Secondo un trader
hanno beneficiato di una nota positiva di Ubs, che vede il 2011
come un anno di potenziale recupero per il comparto dopo un
difficile 2010. Si mettono in luce soprattutto la danese Vestas
(VWS.CO: Quotazione) e la tedesca Nordex (NDXG.DE: Quotazione) guadagna oltre il 4%. 
 * La francese ALSTOM (ALSO.PA: Quotazione) sale di circa il 2% dopo che
Deutsche Bank ha alzato il suo giudizio a 'buy' da 'hold'.