BORSE EUROPA - Azzerano rialzo della partenza, pesanti le auto

lunedì 29 novembre 2010 11:15
 

                             indici              chiusura 
                          alle 11,10    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50        2.719,74    -0,63%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.083,68    -0,27%    1.045,76 
Stoxx banche             193,52    -0,18%      221,27 
Stoxx oil&gas            310,37    -0,22%      330,54 
Stoxx tech               200,97    -0,56%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 29 novembre (Reuters) - Dopo un'apertura più vivace,
le borse europee traccheggiano intono alla parità a metà mattina
dopo l'approvazione del pacchetto di aiuti da 85 miliardi di
euro per l'Irlanda, volto a mitigare anche un eventuale rischio
contagio. 
 Nelle prime battute sono stati soprattutto i finanziari a
giovarsi dell'accordo, faticosamente raggiunto, che salva le
banche irlandesi, garantendo la stabilità del sistema
finanziario dell'area euro. Ma tutti i settori hanno poi
azzerato i guadagni e le vendite prendono di mira soprattutto le
auto.
 Intorno alle 11,10, l'indice paneuropeo FTSE Eurofirst 300
.FTEU3 è poco mosso. Timidamente positiva Londra .FTSE
mentre Francoforte .GDAXI arretra dello 0,35% e Parigi .FCHI
dello 0,33%.
 I titoli in evidenza:
 * In un settore complessivamente fiacco, le banche irlandesi
guadagnano terreno nonostante la prospettiva di una maggiore
presenza dello Stato nel capitale: ALLIED IRISH BANKS (ALBK.I: Quotazione)
allunga di oltre il 6% e BANK OF IRELAND (BKIR.I: Quotazione) di quasi il
19%.
 * Restando tra gli istituti di credito, RAIFFEISEN BANK
INTERNATIONAL (RBIV.VI: Quotazione) balza del 2% dopo aver registrato utili
superiori alle previsioni nel terzo trimestre.
 * BP (BP.L: Quotazione) riduce i guadagni ma resta in rialzo di mezzo
punto percentuale dopo che il colosso petrolifero ha raggiunto
un accordo per cedere la propria partecipazione del 60% in Pan
America Energy per 7 miliardi di dollari.
 * Ancora fra gli energetici, sotto pressione il produttore
di turbine eoliche danese VESTAS (VWS.CO: Quotazione): il titolo scivola ai
minimi di oltre quattro anni sul persistere di timori legati ad
un cambiamento contabile che differisce le entrate di alcuni
progetti.
 * A Francoforte, si infiammano le quotazioni del gruppo di
servizi IT TELEPLAN TELP.DE, nel mirino di un'offerta a premio
del 28%.     
 * Fra le mid-cap tedesche, resta indietro il costruttore
HOCHTIEF (HOTG.DE: Quotazione), in attesa della decisione dell'authority
Bafin sull'offerta lanciata dalla concorrente spagnola ACS
(ACS.MC: Quotazione).
 * Al Tecdax .RECDAX, indice tecnologico tedesco, impennata
per PHOENIX SOLAR (PS4G.DE: Quotazione) dopo che Ubs ha avviato la copertura
del titolo con raccomandazione "buy".