BORSE EUROPA - Mercati in rosso temono effetto debito, Cisco

giovedì 11 novembre 2010 17:33
 

                             indici              chiusura
                         alle 17,10      var.        2009
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.833,94    -0,42%    2.966,24
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.109,49    +0,01%    1.045,76
Stoxx banche             207,77    -0,53%       221,27
Stoxx oil&gas            324,18    +1,02%      330,54
Stoxx tech               199,56    -0,97%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 11 novembre (Reuters) - Pomeriggio volatile dove la
riduzione delle perdite a Wall Street innesca un piccolo
recupero in un contesto che resta con molti spunti negativi.
 Resta al centro dell'attenzione la storia infinita delle
paure sul debito sovrano dei paesi deboli - che penalizza l'euro
- e non arriva molto conforto dagli Usa, dove si medita sul
pessimismo di un gigante tecnologico come Cisco CSCO.MI, che
dubita sugli investimenti dei clienti nei prossimi trimestri.
 Come spesso accade di questi tempi, le cose migliori si
vedono nel segmento dei minerari e di petrolio e gas, con lo
Stoxx dei primi  che vola di quasi due punti percentuali,
mentre le maggiori debolezze si trovano tra cementieri e
costruttori , bancari  e naturalmente tech
.
 Sullo sfondo quel che accade all'apertura del G20 a in Corea
del Sud, dove per ora sembrano certe solo le profonde differenze
in materia di cambi e le critiche alla Fed, mentre il prezzo del
futures petrolifero CLZO sopra quota 88 dollari si colloca ai
livelli dell'ottobre 2008, gonfiato dalle notizie del record di
acquisti di greggio a ottobre in Cina.
 Intorno alle 17,10 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 è
piatto come l'indice britannico .FTSE e il Dax tedesco
.GDAXI, il Cac 40 francese .FCHI cede mezzo punto.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * BT (BT.L: Quotazione) sale del 6%  dopo risultati sopra le attese e la
revisione al rialzo delle stime dell'Ebitda per l'intero anno.
 * SIEMENS (SIEGn.DE: Quotazione) guadagna il 3% dopo aver annunciato un
aumento del dividendo sull'intero anno e pubblicato risultati
sopra le attese.
 * Tra le banche penalizzate le francesi SOCGEN (SOGN.PA: Quotazione) e
CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione), in discesa di circa 2%. La banca
agricola ha annunciato ieri i risultati ma non ha dissolto i
timori sull'impatto di Basilea III.
 * In rosso anche TELEFONICA (TEF.MC: Quotazione), ma via via quasi in
pari (-0,3%) dopo un utile netto in crescita nei nove mesi, ma
sotto le previsioni. A penalizzare il carrier anche "l'effetto
Spagna", un mercato domestico decisamente debole.
 * Riduce quasi a zero il rialzo l'assicurativa olandese
AEGON (AEGN.AS: Quotazione) che ha archiviato il trimestre con un utile
sopra le attese e promette la restituzione degli aiuti statali
entro la metà del prossimo anno.
 * ABERTIS (ABE.MC: Quotazione) dimezza la perdita. Il gruppo ha
registrato una crescita del 4,2% dell'utile dei primi nove mesi,
in linea con le stime degli analisti, mentre alza le attese
sulla crescita delle tariffe 2011.