BORSE EUROPA - In lieve calo, bene minerari, peggiorano bancari

giovedì 11 novembre 2010 10:25
 

                             indici              chiusura
                         alle 10,10      var.        2009
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.588,49    -0,21%    2.966,24
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.106,37    -0,29%    1.045,76
Stoxx banche             206,42    -1,09%       221,27
Stoxx oil&gas            321,39    +0,14%      330,54
Stoxx tech               199,71    -0,90%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 11 novembre (Reuters) - Dopo un'apertura positiva le
borse europee muovono in lieve ribasso, zavorrate dai risultati
negativi di alcune importanti società, come Telefonica o Rwe, e
dal debole settore bancario.
 I listini riescono tuttavia ad arginare le perdite grazie al
supporto dei titoli minerari e di quelli energetici, che
beneficiano della salita dei prezzi delle materie prime, sulla
scia dei buoni dati macroeconomici cinesi.
 Il prezzo del petrolio Usa CLc1 ha segnato il record degli
ultimi 25 mesi, grazie alla discesa delle scorte di greggio
negli Stati Uniti e ai buoni dati cinesi.
 L'attenzione degli investitori oggi sarà rivola all'apertura
del G20 a Seoul, che cercherà di andare oltre le semplici
promesse di collaborazione economica e di superare le tensioni
sul mercato dei cambi e gli squilibri economici a livello
globale.
 "Gli occhi sono puntati sulla Corea del Sud. Il G20 spesso
ha un effetto negativo (per il mercato azionario), nel senso che
se non c'è accordo, le persone pensano che si sta imboccando la
strada del protezionismo" spiega Justin Urquhart Stewart,
direttore di Seven Investment Management. 
 "Se ammettessero che ci sono degli squilibri e dicessero che
lavoreranno per alleviarli sarebbe un passo positivo" ha
aggiunto.
 Intorno alle 10,10 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 cede
lo 0,29%. Sulle singole piazze l'indice Ftse 100 britannico
.FTSE perde lo 0,25%, il Cac 40 francese .FCHI lo 0,57% e il
Dax tedesco .GDAXI lo 0,2%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * SIEMENS (SIEGn.DE: Quotazione) guadagna oltre il 3% dopo aver
annunciato un aumento del dividendo sull'intero anno e
pubblicato risultati sopra le attese.
 * TELEFONICA (TEF.MC: Quotazione) cede circa il 2% dopo aver archiviato
i primi nove mesi con un utile netto in crescita, ma sotto le
previsioni.
 * BT (BT.L: Quotazione) guadagna oltre il 3% nelle prime battute dopo
aver pubblicato risultati sopra le attese e aver rivisto al
rialzo le stime dell'Ebitda per l'intero anno.
 * L'intero comparto bancario è in peggioramento. In
particolare RBS (RBS.L: Quotazione) perde oltre il 5% sui timori per la sua
esposizione all'Irlanda. 
 * CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione) cede l'1,9% dopo aver pubblicato
ieri, a borse chiuse, i risultati.
 * L'utility tedesca RWE (RWEG.DE: Quotazione) scende dell'1,6% sulla
scia di risultati sotto le attese.
 * La compagnia di assicurazioni olandese AEGON (AEGN.AS: Quotazione)
guadagna il 2,2% dopo aver archiviato il trimestre con un utile
sopra le attese e aver ribadito l'intenzione di restituire gli
aiutistatali ricevuti entro la metà del prossimo anno.
 * ABERTIS (ABE.MC: Quotazione) cede oltre il 2%. La società autostradale
spagnola ha registrato una crescita del 4,2% dell'utile dei
primi nove mesi, in linea con le stime degli analisti, grazie
soprattutto all'aumento del tarffico all'estero.
 * SKY DEUTSCHELAND SKYDn.DE segna +2,6% dopo i risultati
 * La trimestrale invece colpisce K+S SDFG.DE, in calo del
2,1%.