BORSE EUROPA - Indici deboli per Cina, debito ma aiutano dati

mercoledì 10 novembre 2010 15:41
 

                             indici              chiusura
                         alle 15,35      var.        2009
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.871,22    -0,67%    2.966,24
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.115,59    -0,15%    1.045,76
Stoxx banche             211,18    -0,7%       221,27
Stoxx oil&gas            322,56    -0,07%      330,54
Stoxx tech               202,35    -0,48%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 10 novembre (Reuters) - Le borse europee confermano
la tendenza ribassista della mattinata, sotto i massimi di due
anni rinnovati ieri, penalizzati da timori sul debito della zona
euro e dal debole dato sull'import cinese di materie prime in
ottobre.
 Ma diffuse trimestrali superiori alle aspettative,
accompagnate in alcuni casi da revisioni al rialzo della
guidance, consentono ai mercati di arginare le perdite.
 "Potrebbe esserci un po' di debolezza fino a quando non ci
sarà una soluzione ai problemi irlandesi" di debito, osserva
Mark Bon, gestore di Canada Life a Londra. "Il mercato si
attende una soluzione alla greca per i problemi irlandesi, che
potrebbe rimuovere un po' di incertezza", aggiunge.
 Poco dopo 15,30 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 cede lo
0,16%. Sulle singole piazze l'indice Ftse 100 britannico .FTSE
perde lo 0,56%, il Cac 40 francese .FCHI lo 0,73% e il Dax
tedesco .GDAXI lo 0,41%. Il benchmark europeo è del 72% al di
sopra dei minimi toccati nel marzo 2009.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * ING ING.AS balza del 3,4% sui progetti di una doppia
quotazione per le attività assicurative che consentirebbero al
gruppo olandese di servizi finanziari di raccogliere maggiori
capitali rispetto a una sola Ipo. Inoltre, Ing ha riportato
risultati trimestrali in miglioramento.
 * I risultati condizionano anche i corsi azionari di HENKEL
HNKG_pe.DE che balza del 9% circa. Il gruppo tedesco di beni
di consumo ha rivisto al rialzo le stime per l'esercizio in
corso dopo un solido terzo trimestre.
 * Denaro sulle utility, il miglior comparto in Europa (stoxx
 +0,92%). SCOTTISH AND SOUTHERN ENERGY (SSE.L: Quotazione) avanza di
oltre il 3% dopo aver annunciato che aumenterà il dividendo
quest'anno. Acquisti anche sulla tedesca E.ON (EONGn.DE: Quotazione), la
maggiore utility al mondo che promette cedole minime per due
anni nonostante la perdita riportata nel terzo trimestre.
 * RWE (RWEG.DE: Quotazione) sale del 2% su attese di un milgioramento
della guidance. La società comunicherà i risultati giovedì.