BORSE EUROPA - Indici estendono rialzo dopo occupati Usa

venerdì 5 novembre 2010 16:22
 

                             indici              chiusura
                         alle 16,30      var.        2009
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.885,73    +0,05%    2.966,24
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.113,04    +0,54%    1.045,76
Stoxx banche             211,45    -0,22%      221,27
Stoxx oil&gas            320,95    +0,81%      330,54
Stoxx tech               200,33    +0,33%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 5 novembre (Reuters) - Le borse europee hanno esteso
seppur di poco il loro rialzo, avvicinandosi a un massimo a due
anni, dopo la diffusione del dato sugli occupati non agricoli
Usa di ottobre, in rialzo per la prima volta da maggio e in
larga misura le attese.
 "Si è trattato di un'inversione assolutamente sorprendente
ma ci si deve chiedere se è sostenibile", ha detto Peter Dixon,
economista per Commerzbank. "Ma per ora l'allentamento
quantitativo annunciato mercoledì è assolutamente vincente per
l'azionario".
 Trascinano i listini le minerarie  su del 2,34% con i
prezzi del rame al massimo a 27 mesi e dello zinco su del 5%.
 Intorno alle 16,30 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 sale
dello 0,54. Sulle singole piazze l'indice Ftse 100 britannico
.FTSE guadagna lo 0,41%, il Cac 40 francese .FCHI lo 0,36% e
il Dax tedesco .GDAXI lo 0,44%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Acquisti soprattutto fra i titoli minerari: VEDANTA
(VED.L: Quotazione), BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione), ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione),
ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione), RIO TINTO (RIO.L: Quotazione), XSTRATA XTA.L ed
EURASIAN NATURAL RESOURCES ENRC.L salgono fra il 2% e il 6%.
 * BANCO SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) e BBVA (BBVA.MC: Quotazione) cedono il 2,5% e
lo 0,5% per i timori sull'instabilità delle eocnomie alla
periferia della zona euro. BANK OF IRELAND (BKIR.I: Quotazione) crolla del
10%.
 * ROYAL BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione) cede il 3,8% dopo aver
annunciato di aspettarsi condizioni di mercato impegnative nel
quarto trimestre, oltre a costi l'anno prossimo per 250 milioni
di sterline a causa della nuova tassa sulle banche nel Regno
Unito.
 * La farmaceutica GLAXOSMITHKLINE (GSK.L: Quotazione) avanza del 2,4%,
per il calo dei timori della concorrenza del farmaco generico al
suo medicinale per i polmoni Advair.
 * LAFARGE LAFP.PA cede lo 0,6% dopo aver chiuso il terzo
trimestre sotto le attese a causa dei cvrescenti costi di
produzione e aver lasciato invariata le sue previsioni per la
domanda globale di cemento.