BORSE EUROPA - Indici in rosso dopo seduta voltatile, attesa Fed

mercoledì 3 novembre 2010 16:49
 

                             indici              chiusura
                         alle 16,45      var.        2009
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.839,40    -0,76%    2.966,24
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.090,81    -0,26%    1.045,76
Stoxx banche             207,40    +0,07%      221,27
Stoxx oil&gas            313,03    +0,07%      330,54
Stoxx tech               199,54    -1,08%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 3 novembre (Reuters) - Le borse europee hanno
invertito il loro corso, avviandosi a chiudere una seduta
volatile dominata dalla due giorni del Fomc, l'esecutivo in
materia di politica monetaria della Federal Reserve, che stasera
alle 19,15 comunicherà il tanto atteso pacchetto di stimolo
dell'economia.
 Intorno alle 16,45 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 cede
lo 0,76%. Sulle piazze europee l'indice Ftse 100 .FTSE perde
lo 0,13%, il Cac 40 .FCHI lo 0,33% e il Dax tedesco .GDAXI
lo 0,34%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Fra i bancari, SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) sale del 2,9%
dopo aver detto di non necessitare un aumento di capitale a
seguito dei risultati dei nove mesi sopra le attese. LLYODS
(LLOY.L: Quotazione), BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) e NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione) salgono fra
lo 0,7 e l'1,4%.
 * Il titolo Lundbeck (LUN.CO: Quotazione) cede circa il 3,5% alla borsa
di Copenaghen dopo i risultati del terzo trimestre e le
prospettive a lungo termine. L'AD ha detto che l'outlook sul
2011 verrà diffuso al termine del quarto trimestre, ma che
l'Ebit sarà migliore di quanto annunciato in precedenza.
 * GDF SUEZ GSZ.PA cede oltre il 2%. Nel terzo trimestre
l'Ebitda è salito del 3,8% a 11 miliardi di euro, appena sopra
le attese degli analisti, ma i ricavi che scendono del 16,3% a
6,56 miliardi di euro hanno deluso gli anlaisti.
 * SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) in calo del 2,7% dopo l'annuncio
dell'abbandono del numero uno della divisione GB, Antonio
Horta-Osorio, passato a ricoprire il ruolo di AD presso Lloyds
Bank (LLOY.L: Quotazione) (+2%).