BORSE EUROPA - Indici in rialzo dopo dati Usa, brillano minerari

lunedì 1 novembre 2010 16:04
 

                             indici              chiusura 
                         alle 15,50     var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.848,66    +0,13%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.090,76    +0,38%    1.045,76 
Stoxx banche             208,03    -0,30%      221,27 
Stoxx oil&gas            310,72    +0,95%      330,54 
Stoxx tech               201,32    -0,27%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 1 novembre (Reuters) - Le borse europee consolidano
un modesto rialzo, trovando un supporto nei dati Usa sulla spesa
per costruzioni di settembre e l'indice Ism manifatturiero di
ottobre entrambi a sorpresa in rialzo.
 La seduta tuttavia si è svolta sotto il segno della
volatilità, con una robusta apertura a cui ha fatto seguito
un'inversione di segno a fronte della cautela degli investitori
in attesa della Federal Reserve, per poi tornare nuovamente in
nero dopo l'apertura positiva di Wall Street.
 In testa ai listini le minerarie  su dell'1,65%, con
le attese per l'annuncio di misure di allentamento quantitativo
della Federal Reserve che spingono il dollaro al ribasso, con
conseguente rialzo dei prezzi dei metalli.
 Alle 15,50 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 sale dello
0,38%. Sulle piazze europee l'indice Ftse 100 guadagna lo 0,70%,
il Cac-40 francese lo 0,44% e il Dax tedesco lo 0,36%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Balzo per i titoli minerari come XSTRATA XTA.L e
KAZAKHMYS (KAZ.L: Quotazione) in progresso di oltre il 3%.
 * VIVENDI (VIV.PA: Quotazione) (-1,5%), peggior titolo del Cac francese,
sconta il taglio del giudizio di Ubs a 'neutral' da 'buy'. Il
presidente del consiglio di gestione della controllata Canal+
Bertrand Méheut, ha detto che il gruppo è tuttora interessato al
canale spagnolo Digital+ ma che non è stata avviata alcuna
trattativa.
 * Sugli scudi il settore auto tedesco, con BMW (BMWG.DE: Quotazione) in
testa (+2,5%) seguita da CONTINENTAL AG (CONG.DE: Quotazione) e DAIMLER
(DAIGn.DE: Quotazione) su dell'1,5% e dell'1%, in attesa dei risultati che
confermino il trend del mercato già indicato da quelli di AUDI
(VOWG_p.DE: Quotazione) e MERCEDES, che nel trimestre hanno raggiunto un
margine di profittabilità intorno al 10%.
 * TNT TNT.AS, gruppo olandese operativo nella logistica,
affonda di circa il 4,8% dopo aver il terzo trimestre con un
Ebit a 143 milioni di euro al di sotto dei 169 milioni attesi. A
pesare sui risultati la divisione posta, con la società non ha
voluto commentare la possibilità di un ulteriore aggravio dei
costi in sicurezza dopo che due pacchi bomba su aerei diretti
negli Usa sono stati scoperti la settimana scorsa.
 * HEIDELBERG CEMENT (HEIG.DE: Quotazione) perde lo 0,7%, con i trader
che citano una possibile revisione al ribasso dell'outlook. La
società ha replicato che non ci sono novità in arrivo sulla
guidance.
 * TECHNIP (TECF.PA: Quotazione), operatore ingegneristico e di servizi
di costruzioni per l'estrazione di gas e petrolio, balza del
3,5% su prese di profitto in testa al Cac.
 * Il vettore irlandese RYANAIR (RYA.I: Quotazione) cede oltre il 3%.
L'utile netto del secondo trimestre è stato pari a 313 milioni
di euro contro attese di 349 milioni, La società non è riuscita
a convincere gli investitori quando ha alzato la guidance
sull'utile dell'intero anno.