BORSE EUROPA -Indici poco mossi in attesa Pil Usa e riunione Fed

venerdì 29 ottobre 2010 10:17
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,10    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.844,41    -0,04%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.084,76    -0,10%    1.045,76 
Stoxx banche             209,03    -0,39%      221,27 
Stoxx oil&gas            306,29    +0,46%      330,54 
Stoxx tech               201,76    -0,17%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 29 ottobre (Reuters) - Le piazze europee sono poco
mosse con gli investitori che preferiscono la cautela agli
acquisti nell'attesa del dato sul Pil Usa previsto oggi e la
riunione della Federal Reserve di settimana prossima, con le sue
decisioni in tema di allentamento quantitativo.
 "Di sicuro c'è non poca incertezza in vista della
dichiarazione della Fed", ha detto bernard McAlinden, investment
strategist per NBC Stockbrokers a Dublino. "C'è la sensazione
che il mercato possa aver prezzato eccessivamente il QE. Penso
che la Fed annuncerà il QE. La questione è in quale quantità e
in che modo lo faranno".
 Il dollaro in rialzo contro l'euro e il conseguente ribasso
dei prezzi dei metalli danneggiano le minerarie , il cui
paniere cede oltre l'1%.
 Intorno alle 10,10 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde lo 0,1%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE cala dello 0,07%, il Dax tedesco .GDAXI
dello 0,09%, mentre il Cac 40 francese .FCHI sale di appeno lo
0,04%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * TOTAL (TOTF.PA: Quotazione) (-0,2%) ha lasciato la sua guidance
invariata dopo che nel terzo trimestre ha visto l'utile netto
salire del 32% a 2,48 miliardi di dollari, per effetto di più
elevati prezzi di greggio e gas, e la produzione aumentare del
4,3% a 2,34 milioni di barili di greggio equivalenti al giorno.
 * BRITISH AIRLINES BAY.L torna in nero per la prima volta
da due anni, con un utile pre-tasse nei primi sei mesi dell'anno
a 158 milioni di sterline dai 292 milioni di perdita del periodo
di riferimento 2009. Il vettore britannico si aspetta di
continuare a crescere anche nel 2011. Il titolo scivola di circa
il 2,5%.
 * BRITISH PETROLEUM (BP.L: Quotazione) guadagna circa l'1% dopo che un
rapporto della Casa Bianca ha determinato che il cemento usato
da Halliburton (HAL.N: Quotazione) nel pozzo del Golfo del Messico era
difettoso.
 * Le privilegiate di VOLKSWAGEN (VOWG_p.DE: Quotazione) sono in
progresso dell'1,5%. Citigroup ha alzato il target price a 125
da 108 euro con rating 'buy', e quello sulle ordinarie (VOWG.DE: Quotazione)
(+0,7%) a 100 da 89 e rating 'hold'. Positiva anche Ubs che alza
il target price sulle prime a 115 da 87 euro e rating 'neutral'.
 * PRUDENTIAL (PRU.L: Quotazione) avanza del 2%, sostenuta dal buon
andamento del debutto in borsa a Hong Kong del braccio asiatico
di American International Group (1299.HK: Quotazione).
 * BANCO POPULAR (POP.MC: Quotazione) (+2,5%) ha registrato un utile
netto nei primi nove mesi dell'anno a 521,4 milioni di euro, ben
al di sopra delle attese di 501 milioni. Le sofferenze però a
fine settembre sono salite al 5,17% dal 5,04% di fine giugno.