BORSE EUROPA- Indici deboli, pesano banche, industria estrattiva

martedì 26 ottobre 2010 10:38
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,30    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.851,70    -0,70%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.086,07    -0,56%    1.045,76 
Stoxx banche             209,16    -1,16%      221,27 
Stoxx oil&gas            304,35    -0,17%      330,54 
Stoxx tech               202,97    -0,73%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 26 ottobre (Reuters) - Mattinata fiacca sulle piazze
del Vecchio Continente, dove sono soprattutto le trimestrali a
muovere i listini. Se l'industria estrattiva  è zavorrata
dallo scivolone della leader mondiale Arcelor Mittal, Ubs
deprime i bancari  e i tecnologici  accusano il
warning dell'americana Texas Instruments TXN.N per il quarto
trimestre. Ma tengono utilities  e telefonici .
 Secondo gli analisti il mercato è destinato a restare
intrappolato in trading range fino a quando non si saprà cosa la
Federal Reserve intenda fare in termini di easing quantitativo.
 Intorno alle 10,30 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde lo 0,6%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE cede lo 0,7%, il Dax tedesco .GDAXI lo 0,4%
e il Cac 40 francese .FCHI lo 0,8%.
 
 Tra i titoli in evidenza oggi:
 
 * ARCELORMITTAL (ISPA.AS: Quotazione) cede oltre il 4% dopo aver
avvertito che il quarto trimestre sarà ben inferiore alle stime.
ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione), RIO TINTO (RIO.L: Quotazione), BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione),
XSTRATA XTA.L, ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione), cedono tutte almeno un
punto percentuale. Il settore è il peggiore in Europa.
 
 * Bancari sotto pressione con UBS UBSN.VX pesante (perde
oltre il 5%) dopo una trimestrale deludente, nonostante la
raccolta sia tornata positiva per la prima volta da inizio 2008.
 
 * Dopo una partenza molto tonica, VESTAS VHS.CO inverte
rotta e cede due punti percentuali. La leader mondiale di
turbine eoliche ha annunciato che sopprimerà 3.000 posti e
chiuderà diversi impianti per far fronte alla debolezza della
domanda dopo aver accusato una riduzione degli utili più
contenuta del previsto nel terzo trimestre.
 
 * Venduto il progettista chip ARM Holdings ARM.L dopo i
risultati del terzo trimestre e dopo che Texas Instruments, uno
dei suoi licenziatari negli Usa, ha previsto che il fatturato
verrà penalizzato da un rallentamento della domanda nel quarto
trimestre.
 
 * Lettera pronunciata oggi su HERMES (HRMS.PA: Quotazione): il titolo
riduce così parte dei sostanziosi guadagni messi a segno ieri
dopo che il gigante del lusso LVMH (LVMH.PA: Quotazione) ha sorpreso il
mercato rivelando una partecipazione consistente nel gruppo
celebre per i suoi foulard.
 
 * In tenuta le utilities e i telefonici: fra gli operatori
tlc si mette in evidenza l'olandese KPN (KPN.AS: Quotazione) che ha
annunciato un terzo trimestre superiore alle previsioni e
confermato le stime per l'esercizio.