BORSE EUROPA -Indici piatti in mattinata, peggiorano commodities

venerdì 15 ottobre 2010 10:39
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,35    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.842,65    +0,23%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.081,75    +0,08%    1.045,76 
Stoxx banche             211,95    +0,29%      221,27 
Stoxx oil&gas            306,52    -0,02%      330,54 
Stoxx tech               202,02    +0,10%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 15 ottobre (Reuters) - Si muovono poco lontani dalla
chiusura precedente gli indici delle borse europee, indeboliti
dalla tenuta del dollaro e dalla correzione delle materie prime
in un clima di fondo dominato dalla cautela in attesa di nuovi
dati macro dagli Usa e dell'intervento del banchiere centrale
Ben Bernanke.
 Tra i singoli comparti, quello dei tecnologici appare almeno
lievemente avvantaggiato dalla diffusione del positivo trimestre
Google (GOOG.O: Quotazione), mentre il settore degli energetici guarda al
nuovo indebolimento dei derivati sul greggio arrivati a superare
brevemente la soglia di 83 dollari.
 Particolarmente attesa la testimonianza del presidente Fed
dopo la pubblicazione delle ultime minute Fomc, che ha cementato
l'aspettativa dei mercati finanziari per nuove misure di
'allentamento quantitativo' volte al rilancio della crescita.
 Intorno alle 10,30 l'indice delle blue chip europee
FTSEurofirst 300 .FTEU3 è immobile dalla chiusura di giovedì a
1.084,67 punti. Sui singoli mercati il Ftse 100 britannico
.FTSE segna un -0,12%, il Dax tedesco .GDAXI un +0,3% e il
Cac 40 francese .FCHI un +0,17%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Corregge di circa 1,3% il titolo Ericsson (ERICb.ST: Quotazione), dopo
che la joint venture con Sony (6758.T: Quotazione) ha diffuso questa mattina
un terzo trimestre inferiore alle attese.
 * Accusa un -2% Carrefour (CARR.PA: Quotazione), tra le peggiori blue
chip parigine. Il primo gruppo europeo della grande
distribuzione ha annunciato un utile trimestrale superiore al
consensus ma rivisto in leggero ribasso le prospettive per
l'intero 2010.
 * Sempre a Parigi, poco variata a -0,2% Essilor (ESSI.PA: Quotazione),
fresca dell'annuncio della prossima acquisizione del 50%
dell'israeliana Shamir Optical
 * Arretra di circa 2% Pernod-Ricard (PERP.PA: Quotazione), su cui Credit
Suisse ha portato il giudizio da 'neutral' a 'underperform'
 * Tra i titoli a minor capitalizzazione crolla oltre 12% la
tedesca Balda BAFG.DE, attiva nelle forniture all'industria
telefonica, che ha peggiorato le stime sui risultati annuali