BORSE EUROPA - Indici a massimo tre settimane, bene minerari

giovedì 14 ottobre 2010 10:29
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,20    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.852,53    +0,42%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.081,71    +0,48%    1.045,76 
Stoxx banche             213,84    -0,30%      221,27 
Stoxx oil&gas            308,92    +0,44%      330,54 
Stoxx tech               204,05    +0,40%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 14 ottobre (Reuters) - Le piazze europee hanno
toccato il loro massimo di tre settimane per la seconda seduta
consecutiva, sostenute dai minerari, dalle crescenti attese di
un intervento della Federal Reserve e dalle speranze che una
stagione di trimestrali spinga gli investitori verso asset più
rischiosi.
 "L'appetito degli investitori verrà aiutato da risultati che
batteranno le attese, mentre il contesto macro sta venendo
sostenuto dal fatto che la autorità sembrano pronte a sostenere
il supporto necessario ad assicurare la ripresa economica", ha
detto Henk Potts, equity strategist per Barclays Wealth.
 I titoli legati alle materie prime  avanzano
dell'1,1% circa.
 Intorno alle 10,20 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 guadagna lo 0,42%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE sale dello 0,09%, il Dax tedesco .GDAXI
dello 0,54% e il Cac 40 francese .FCHI dello 0,04%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Tra i titoli premiati da buone trimestrali la svizzera
specializzata in tecnologie agricole SYNGENTA SYNN.VX (+2,3%),
mentre il gruppo del lusso LVMH (LVMH.PA: Quotazione) cede lo 0,14%
nonostante abbia battuto le attese. Scontano risultati sotto le
attese la farmaceutica svizzera ROCHE ROG.VX (-1%) e un profit
warning la greca consulente nel settore energia e ingegeneria
POYRY (POY1V.HE: Quotazione) (-10%).
 * EADS EAD.PA cede lo 0,4%, con i trader che citano
l'apprezzamento dell'euro, ai cui livelli il titolo è
particolarmente sensibile.
 * VODAFONE (VOD.L: Quotazione) viaggia in rialzo dell'1,6% circa,
sostenuta da un upgrade di Nomura a "buy" da "neutral".
 * La mineraria AFRICAN BARRICK GOLD ABGL.L, peggior titolo
dell'indice britannico FTSE 100, perde oltre l'8% dopo aver
tagliato i suoi target di produzione 2010 affermando che saranno
paragonabili a quelli del 2009.
 * Tra i finanziari ING BANK ING.AS avanza dell'1,8% dopo
che la sua controllata australiana ha alzato il prezzo della sua
cartolarizzazione, la sua prima in Australia, di mutui
residenziali a un totale di 900 milioni di dollari australiani.
 * DRAKA HOLDING DRAK.AS vola in rialzo di circa il 9%. Il
quotidiano olandese Het Financieele Dagblad ha scritto citando
fonti vicine al dossier su contatti tra il fondo Flint Beheer
della famiglia Fentener van Vlissingen, che vuole cedere la sua
quota del 43,9%, con PRYSMIAN (PRY.MI: Quotazione) e il gruppo francese
NEXANS (NEXS.PA: Quotazione) (+1,1%). Prysmian ha smentito.