BORSE EUROPA - Indici estendono ribassi su dati Usa deludenti

giovedì 23 settembre 2010 15:35
 

                             indici              chiusura 
                           alle 15,10    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.717,15    -1,29%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.055,86    -0,99%    1.045,76 
Stoxx banche             212,33    -1,69%      221,27 
Stoxx oil&gas            296,12    -0,58%      330,54 
Stoxx tech               193,88    -0,84%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 23 settembre (Reuters) - Le piazze europee estendono
i ribassi dopo i dati Usa sulle richieste di nuovi sussidi di
disoccupazione, in salita inattesa la scorsa settimana.
 Il mercato è negativo per la terza seduta consecutiva
penalizzato proprio dai timori sullo stato delle economie in
alcuni paesi europei.
 Intorno alle 15,25 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 cede l'1% circa. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE arretra dell'1,2%, il Dax tedesco .GDAXI
dell'1,04% e il Cac 40 francese .FCHI dell'1,54%.
 "Le voci di un grosso programma di vendite, il fatto che il
Dublino potrebbe non dare garanzie alle obbligazioni subordinate
Anglo-Irish e l'allargamento degli spread dei credit default
swap per Spagna e Irlanda stanno mettendo pressione
sull'azionario europeo", osserva un trader di ETX Capital.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Sotto pressione i finanziari con STANDARD CHARTERED
(STAN.L: Quotazione), LLOYDS (LLOY.L: Quotazione), SOCIETE' GENERALE (SOGN.PA: Quotazione), BANK OF
IRELAND (BKIR.I: Quotazione) e KBC GREP (KBC.BR: Quotazione) in discesa tra 2 e 4%.
 * DSM (DSMN.AS: Quotazione), gruppo olandese attivo nel settore della
chimica, cede l'1,4%. Presentando la sua nuova strategia, la
società ha detto di puntare a un Ebitda di 1,4-1,6 miliardi di
euro per il 2013 e a raddoppiare il volume di affari a oltre 3
miliardi di dollari in Cina per il 2015, ma il mercato sta
bocciando il piano come "irrealistico".
 * IBERIA IBLA.MC (+0,2%) ha approvato ieri sera il piano
di finanziamento di BRITISH AIRWAYS BAY.L, il cui titolo è
piatto, per il suo gigantesco deficit sul fondo pensioni,
rimuovendo così l'ultimo grosso ostacolo sulla strada della
fusione tra i due vettori europei.
 * ASTRAZENECA (AZN.L: Quotazione) (-1,97%) ha detto che l'agenzia Usa
Fda ha accettato la candidatura del suo farmaco Vandetanib, che
l'anno scorso aveva dato risultati deludenti contro il cancro ai
polmoni e ora è stato riproposto contro il cancro alla tiroide.
 * NAUTICAL PETROLEUM NPE.L balza di circa il 18% dopo che
la società di esplorazioni petrolifere ha detto di aver venduto
una quota della sua licenza nel Mare del Nord per 87,5 miliardi
di sterline.
 * Giù anche MAERSK (MAERSKb.CO: Quotazione), meno 3,3% a seguito delle
prospettive deboli delineate da Lloyds per i trasportatori.