BORSE EUROPA - Indici accelerano dopo dati Usa, brillano banche

giovedì 9 settembre 2010 16:13
 

                             indici              chiusura 
                           alle 16,05   var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.786,78    +1,23%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.082,43    +0,97%    1.045,76 
Stoxx banche             223,89    +2,35%      221,27 
Stoxx oil&gas            304,95    +0,76%      330,54 
Stoxx tech               197,92    +1,74%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 9 settembre (Reuters) - Le borse europee confermano
l'mpostazione positiva emersa nel corso della mattinata
rafforzandosi ulteriormente nel primo pomeriggio grazie ai dati
macro Usa.
 Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono
scese più delle attese e anche il deficit commerciale
statunitense a luglio si è ridotto più del previsto, dando una
spinta a Wall Street, partita in deciso rialzo.
 Brillano le banche dopo i commenti positivi sull'economia da
parte di Yves Mersch, membro del consiglio direttivo della Bce,
che hanno contribuito ad alimentare la fiducia degli
investitori.
 Intorno alle 16,05 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 guadagna circa un punto percentuale. Sui singoli
mercati il Ftse 100 britannico .FTSE sale dell'1,2%, il Dax
tedesco .GDAXI dello 0,9% e il Cac 40 francese .FCHI
dell'1,3%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * In controtendenza rispetto al settore bancario AXA
(AXAF.PA: Quotazione) lascia sul terreno lo 0,8% dopo che l'Antitrust
australiana ha bloccato per la seconda volta l'offerta da 12
miliardi di dollari di National Australia Bank NBA.AX su Axa
Asia Pacific AXA.AX.
 * Sempre sul fronte dei ribassi E.ON (EONGn.DE: Quotazione) e RWE
(RWEG.DE: Quotazione) cedono intorno a un punto percentuale dopo che alcuni
giornali tedeschi, citando un accordo tra governo e società
energetiche, hanno scritto che un compromesso nucleare raggiunto
domenica potrebbe prevedere costi più alti per le utility di
quando pensato in precedenza.
 * L'inglese HOME RETAIL HOME.L scivola del 3,3% sulla scia
delle previsioni di un calo del 20-25% dell'utile del primo
semestre e di un risultato dell'anno nella parte bassa
dell'attuale range di stime degli analisti.
 * DEUTSCHE POSTBANK DPBGn.DE sale di oltre il 4% sui
commenti dell'AD secondo il quale l'azionista chiave Deutsche
Bank (DBKGn.DE: Quotazione), che detiene circa il 30%, è l'acquirente più
probabile del resto della società.
 * La casa automobilistica francese PEUGEOT CITROEN (PEUP.PA: Quotazione)
mette a segno un progresso superiore al 4% sui piani del gruppo
di aumentare il numero di lavoratori temporanei sui turni
notturni per produrre di più.