BORSE EUROPA - Indici azzerano perdite dopo dato fiducia Usa

martedì 31 agosto 2010 16:37
 

                             indici               chiusura 
                          alle 16,30      var.        2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.613,67    -0,10%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.023,47    -0,20%    1.045,76 
Stoxx banche             209,57    -0,19%      221,27 
Stoxx oil&gas            287,50    -0,65%      330,54 
Stoxx tech               181,31    -0,89%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 31 agosto (Reuters) - Le principali piazze europee
hanno azzerato le loro perdite dopo che l'indice della fiducia
dei consumatori Usa ha segnato un miglioramento e ora hanno un
andamento misto.
 Il dato diffuso da Conference Board ad agosto è cresciuto a
53,5 dal 51,0 di luglio, rivisto da 50,4, ben sopra le attese di
50,5.
 Sui singoli mercati il britannico Ftse 100 .FTSE sale
dello 0,3%, il Dax tedesco .GDAXI è piatto e il Cac 40
francese .FCHI cede lo 0,09%. 
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * CARREFOUR (CARR.PA: Quotazione) cede lo 0,7% dopo aver pubblicato i
risultati del primo semestre, in linea con le attese e aver
confermato gli obiettivi per l'intero 2010.
 * HERMES (HRMS.PA: Quotazione) cede il 3,7%, nonostante il gruppo del
lusso abbia chiuso il primo semestre con utile operativo in
rialzo del 52% e abbia ritoccato al rialzo i target per l'anno.
 * RAIFFEISEN BANK RIBH.VI cede l'1,8% dopo i risultati,
con l'utile netto del trimestre che si è fermato a 71 milioni di
euro contro i 91,1 milioni attesi.
 * CANDOVER INVESTMENTS (CDI.L: Quotazione) avanza dell'1,6%. La private
equity inglese ha annunciato la sua auto-liquidazione, dopo che
il valore netto dei suoi asset è crollato del 13% a giugno. La
società metterà in vendita il proprio portafolio di asset per
ridare soldi ai suoi azionisti e investitori.
 * BAYER (BAYGn.DE: Quotazione) avanza del 2,5%. Gli operatori citano i
dati incoraggianti in arrivo dal test del farmaco Xarelto.
 * SERCO GROUP (SRP.L: Quotazione), in calo del 2,7%, è tra i peggiori
titoli del Ftse 100 britannico. La conglomerata britannica
sconta il downgrade di BofA Merrill Lynch a "neutral" da "buy".
 * ARM HOLDINGS ARM.L avanza di oltre il 6%, brillando di
luce riflessa dell'accordo tra Intel (INTC.O: Quotazione) e INFINEON
(IFXGn.DE: Quotazione) (-1%). Si tratta di una notizia positiva nel breve
termine per la produttrice di chip, con Intel che ha indicato
che continuerà a sostenere e i progetti di chip di ARM, così
come fatto da Infineon.
 * OPTION (OPIN.BR: Quotazione) (OPNVY.PK: Quotazione), l'unico produttore europeo di
modem wireless, crolla del 21% dopo aver detto di non essere
sicuro di crescere nel secondo semestre a causa della pressione
delle più economiche importazioni cinesi. Nel primo semestre la
perdita netta si è ampliata.
 * A Stoccolma restano sospese le contrattazioni del gruppo
finanziario HQ HQ.ST, che ieri aveva perso oltre l'84% sulla
notizia che la sua divisione HQ Bank era stata messa in
liquidazione dopo aver perso la licenza bancaria, decisione
contro la quale HQ ha presentato ricorso.