BORSE EUROPA-Indici in calo,pesano timori economia dopo dati Usa

venerdì 20 agosto 2010 10:37
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,20    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.665,38    -0,36%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.031,52    -0,51%    1.045,76 
Stoxx banche             213,15    -0,49%      221,27 
Stoxx oil&gas            292,19    -0,19%      330,54 
Stoxx tech               188,45    -0,37%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 20 agosto (Reuters) - Le piazze europee si muovono
al ribasso dopo una partenza volatile.
 Una serie di notizie di possibili acquisizioni, in
particolare nel settore energia, non riescono a fare da supporto
agli indici a fronte dei persistenti timori sullo stato
dell'economia, soprattutto quella statunitense, dopo i deludenti
dati su disoccupazione e manifattura diffusi ieri.
 "Gli ultimi dati venuti dagli Usa hanno innescato una fuga
verso la qualità dato che hanno rinnovato i timori di una
recessione double-dip, con gli investitori che cercano rifugio
nel più sicuro debito governativo. Tuttavia dovremo aspettare
fino all'autunno quando avremo un quadro più chiaro sull'outlook
economico", ha detto l'analista di Louis Capital, Bertrand
Michaud.
 Intorno alle 10,20 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde lo 0,36%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE cala dello 0,18%, il Dax tedesco .GDAXI
dello 0,55% e il Cac 40 francese .FCHI dello 0,42%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * DANA PETROLEUM DNX.L balza del 5,6% dopo che la
compagnia coreana di stato Korea National Corp si è decisa a
lanciare un'opa ostile del valore di 2,9 miliardi di dollari,
dopo che la società inglese aveva rifiutato una precedente
offerta.
 * La società inglese che opera nel settore del gas naturale
BG GROUP BG.L avanza di oltre il 4% per effetto delle voci di
una possibile manifestazione di interesse. Il Daily Mail's
market report cita una possibile offerta da 54 miliardi di
sterline, o 1.600 pence per azione, da parte di ROYAL DUTCH
SHELL (RDSa.L: Quotazione), il cui titolo cede lo 0,3%. Non è stato
possibile contattare le due società per un commento.
 * BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione) (BHP.AX: Quotazione) guadagna l'1%. Potash Corp
POT.T, società canadese produttrice di concimi, e oggetto di
un'Opa ostile da 39 miliardi di dollari parte della mineraria ha
sollecitato altri offerenti a farsi avanti.
 * EURASIAN ENRC.L, peggior titolo sul listino inglese Ftse
100, cede oltre il 2%. Citigroup ha tagliato giudizio e traget
price della mineraria a "hold" da "buy" e a 1.000 pence da
1.420.
 * CARREFOUR (CARR.PA: Quotazione) sale di appena lo 0,4%. PTT Pcl
(PTT.BK: Quotazione), la più grande produttrice di energia della Thailandia,
ha detto di avere intenzione di fare un'offerta sugli asset
thailandesi del gruppo di retail per diversificare le proprie
attività.
 * BRUNEL (BRUN.AS: Quotazione) crolla di oltre il 14%, con il titolo
vicino ai suoi minimi a 8 anni. La società specializzata nella
ricerca di personale nei suoi risultati del primo semestre ha
ampiamente mancato le stime degli analisti con un utile netto di
11,4 milioni di euro contro i 15,5 milioni attesi e i ricavi a
334,9 milioni contro i 343 delle attese. La società ha tuttavia
detto di vedere una solida crescita nei profitti nella seconda
metà dell'anno.