BORSE EUROPA - Indici in rosso dopo dichiarazioni Fed

mercoledì 11 agosto 2010 10:47
 

                             indici              chiusura 
                           alle 10,20    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.773,62    -0,94%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.054,43    -0,75%    1.045,76 
Stoxx banche             223,93    -1,11%      221,27 
Stoxx oil&gas            223,80    -0,56%      330,54 
Stoxx tech               190,98    -1,17%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 11 agosto (Reuters) - Apertura negativa per le
principali piazze europee, che ricalcano le perdite dei mercati
asiatici e di Tokyo, sotto pressione dalle considerazioni della
Fed sulla debolezza dell'economia.
 Una situazione di stallo che ha spinto la banca centrale
americana a pianificare ulteriori misure di sostegno per ridare
slancio alla ripresa, reinvestendo i ricavi dei bond in scadenza
legati ai mutui nell'acquisto di titoli di Stato a lungo termine
per mantenere bassi i costi dei finanziamenti.
 Misure che, tuttavia, sembrano essere state giudicate non
sufficienti dai mercati, poco convinti che possano avere un
impatto immediato. 
 Secondo Jeremy Batston Carr, strategist di Charles Stanley,
"i mercati si sono focalizzati sui timori della Fed riguardo la
crescita".
 Alle 10,20 l'indice europeo FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede
lo 0,75%. L'indice Ftse 100 britannico .FTSE perde l'1,19%, il
Dax tedesco .GDAXI scende dell'1,2% e il Cac 40 francese
.FCHI dell'1,12%.
 Per quanto riguarda i settori, la performance peggiore è dei
minerari  (-1,9%), già ieri spinti al ribasso dal calo
dei prezzi delle materie prime. Antofagasta (ANTO.L: Quotazione),
Arcelormittal (ISPA.AS: Quotazione), Xstrata XTA.L e Bhp Billion (BLT.L: Quotazione)
cedono tra l'1,8 e il 3%.
 Male anche i tecnologici, già sotto pressione ieri a Wall
Street e oggi sulle piazze asiatiche, per i timori che la
fragile ripresa economica possa comportare un raffreddamento
della domanda.
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * NESTLE' NESN.VX sale dell'1% dopo che il gruppo ha
alzato la guidance per l'anno in corso a fronte di un primo
semestre solido, che ha visto crescere l'utile netto a 5,45
miliardi di franchi svizzeri, contro i 5,01 miliardi dello
scorso anno.
 * ABERTIS (ABE.MC: Quotazione) sale dell'1,35%, dopo la notizia che 
costruttore spagnolo Acs ACS.AS ha raggiunto un accordo per la
cessione della sua partecipazione del 25,8% a una joint venture
con il fondo Cvc Capital per 15 euro per azione. 
 * ELAN ELN.I sale dell'1,75% dopo che il gruppo
farmaceutico irlandese ha annunciato l'intenzione di offrire 200
milioni di dollari di bond 2016 con cedola 8,75%
 * MICROFOCUS (MCRO.L: Quotazione) cede il 24% dopo che il gruppo attivo
nelle applicazioni per sistemi informatici ha tagliato la
guidance annuale dopo aver registrato un primo trimestre con
crescita in stallo, a causa del rinvio dei contratti da parte
dei clienti.
 * NOBEL BIOCARE NOBN.VX, specializzato nella produzione
apparecchi odontoiatrici, cede circa il 9%, dopo che il gruppo
svizzero ha chiuso il secondo trimestre con risultati al di
sotto delle aspettative.
* GDF SUEZ GSZ.PA cede oltre l'1,8% dopo che Moody ha
annunciato di aver messo sotto osservazione il rating Aa3 del
debito dell'utility francese per un eventuale downgrading.
* BMW (BMWG.DE: Quotazione) e DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) perdono entrambe l'1%
dopo la proclamazione di uno sciopero ad oltranza da parte del
sindacato dei metalmeccanici in Sudafrica, dove entrambi i
gruppi possiedono degli impianti. Gli operai chiedono un aumento
salariare superiore al tasso d'inflazione. Le trattative in
corso da oltre due mesi non hanno prodotto alcun accordo. La
protesta ha comportato il blocco degli impianti di BMW in
Sudafrica.