BORSE EUROPA - Indici in rialzo, brillano energetiche su greggio

lunedì 9 agosto 2010 16:49
 

                             indici              chiusura 
                          alle 16,40    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.819,55    +1,45%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.069,13    +1,17%    1.045,76 
Stoxx banche             228,41    +1,21%      221,27 
Stoxx oil&gas            308,92    +1,48%      330,54 
Stoxx tech               194,82    +1,17%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 9 agosto (Reuters) - Le piazze europee confermano i
guadagni della mattinata, con il prezzo del greggio CLc1
stabile sopra gli 81 dollari al barile a sostenere le
energetiche mentre gli investitori acquistano asset più
rischiosi per le aspettative di nuove misure da parte della
Federal Reserve per sostenere la rispresa economica.
 "Le banche centrali in giro per il mondo hanno dimostrato
che continueranno a essere molto accomodanti per assicurare che
la ripresa continui. Il nervosismo per una stretta di politica
monetaria ora sembra certamente esagerato", ha detto Henk Potts,
strategist azionario di Barclays Wealth.
 I titoli energetici  sono tra i migliori, assieme
alle utility , avanzando rispettivamente dell'1,48% e
dell'1,33%.
 Alle 16,40 ora italiana l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 sale dell'1,45%. L'indice Ftse 100 britannico .FTSE
sale del 1,29%, il Dax tedesco .GDAXI dell'1,2% e il Cac 40
francese .FCHI dell'1,4%.


 Tra i titoli in evidenza:
 * La compagmia petrolifera BP (BP.L: Quotazione) sale dell'1,6% dopo la
notizia che i test sul "tappo" di cemento installato per frenare
la fuoriscita di greggio dalla falla del pozzo Macondo hanno
dato esito positivo. Il totale dei costi dell'incidente è salito
a 6,1 miliardi di dollari.
 * Il colosso tedesco dell'acciaio THYSSENKRUPP (TKAG.DE: Quotazione)
avanza dello 0,65%. La federazione tedesca produttori acciaio ha
indicato un aumento della produzione del 29,7% su anno a luglio,
e del 59% nei primi sette mesi dell'anno.
 * HERMES (HRMS.PA: Quotazione) sale dell'1,6%, dopo che Goldman Sachs ha
alzato il giudizio sul gruppo del lusso a "neutral" da "sell".
Le vendite nel secondo trimestre sono state "impressionanti",
anche rispetto ai migliori risultati tra i concorrenti del
gruppo, e una guidance più ottimista, hanno spinto Goldman ad
alzare le sue previsioni per le vendite del 7% per il 2010, al
9% per il 2011 e al 10% per il 2012, e per l'utile per azione
del 10%, 15% e 19% nei tre anni in esame.
 * GDF Suez GSZ.PA e la britannica INTERNATIONAL POWER
IPR.L salgono rispettivamente dell'1,6 e del 2,5% dopo che
notizie di stampa hanno dato per imminente un accordo tra le due
utility, che porterebbe GDF ad acquisire la quota maggioritaria
di International Power, trasferendo alcuni asset non europei
alla compagnia britannica. Il Sunday Times riferisce
che l'accordo includerebbe un dividendo straordinario per gli
azionisti di IP di 1,2-1,3 miliardi di sterline.
 * Il provider di servizi internet tedesco QSC (QSCG.DE: Quotazione)
estende il suo rialzo oltre 9% sulla scia di risultati
trimestrali migliori delle attese con l'utile netto su del
290,9% su anno a 4,3 milioni da 1,1 milioni e le vebdite su
dell'1,2% a 104,9 milioni da 103,7.
 * Il vettore tedesco LUFTHANSA (LHAG.DE: Quotazione) sale dell'1,5% di
riflesso del franco-olandese Air France-Klm ARIF.PA, su
dell'1,9%. I trader citano i positivi dati sui passeggeri di
venerdì dei francesi e la speranza che si possano riflettere su
Lufthansa.
 * PEUGEOT (PEUP.PA: Quotazione) e MICHELIN (MICP.PA: Quotazione) segnano
rispettivamente il +0,1% e -0,9% dopo il downgrade di Goldman
Sachs, che abbassato la raccomandazione per entrambi i titoli a
"neutral" da "buy". BMW (BMWG.DE: Quotazione) sale dello 0,7% dopo che
Goldman ha alzato il target price a 62 da 53 euro.